Storia contorta dello yoga

Giulio Cesare Giacobbe - Cos'è veramente lo yoga (Potrebbe 2019).

Anonim
Nessuna domanda, lo yoga ha un grande seguito in Occidente. Ma come ha fatto lo hatha yoga, in particolare la pratica degli asana, al centro della scena? E quale ruolo ha avuto l'Occidente in quella preferenza? Andrea Miller recensisce due libri che rispondono a queste domande: Yoga Body: Le origini della moderna postura pratica , di Mark Singleton e The Subtle Body: La storia dello yoga in America , di Stefanie Syman.

Nella primavera del 1893, uno swami indiano di nome Vivekananda viaggiò negli Stati Uniti con la speranza di partecipare al World Parliament of Religions, che era convocato come parte della Fiera mondiale di Chicago. E sebbene non avesse un invito ufficiale, partecipò. Secondo il Boston Evening Transcript , "Quattromila persone che si accalcano nella Sala di Colombo si siedono sorridenti e in attesa, aspettando un'ora o due di altri discorsi da uomini per ascoltare Vivekananda per quindici minuti."

Forse una delle chiavi per la popolarità di Vivekananda è stata quella di aver immediatamente realizzato e smentito gli stereotipi indiani, consentendo agli americani di romanticizzare lui e il suo paese senza abbandonare troppi valori. Per le sue lezioni, il giovane swami si vestiva di abiti color arancio o rosso e un turbante giallo. Tuttavia parlava inglese fluente e articolato, mangiava carne e gelato e usava tabacco da fiuto, che spargeva copioso sul pavimento.

Nei suoi discorsi, Vivekananda non usava mai la parola "yoga", " un fatto curioso alla luce di alcuni studi attuali che propongono lo yoga moderno e transnazionale iniziato con lui. Inoltre, Vivekananda non si è contorto nella posa di prua o in qualsiasi altro asana . In India era in pieno fermento una rinascita dello yoga legata al nazionalismo indiano, e Vivekananda era un sostenitore del movimento. Ma ha evitato la parola " yoga " perché pensava che gli occidentali lo trovassero troppo estraneo e spaventoso, ed evitò del tutto lo yoga perché - insieme alla maggior parte dei suoi compatrioti - lo trovò disgustoso e del tutto inadatto per il risveglio dello yoga.

Oggi lo yoga ha un largo seguito in l'Occidente e molti lo considerano sinonimo di pratica posturale. In che modo lo hatha yoga, in particolare la pratica degli asana, è stato al centro della scena e quale ruolo ha avuto l'Occidente in questo? Queste sono domande indirizzate in due nuove versioni: Yoga Body: Le origini della moderna postura pratica , di Mark Singleton e Il corpo sottile: La storia dello yoga in America , diStefanie Syman.

Yoga Bodyinizia esaminando le percezioni di hatha yoga prima e durante il tempo di Vivekananda. Singleton scrive:

Al tempo della sintesi dello yoga di Vivekananda negli anni '90 del XIX secolo, la pratica posturale era principalmente associata al yogin(o più popolarmente, & yogi "). Questo termine designò in particolare gli hatha yogin del lignaggio Nath, ma fu usato più liberamente per riferirsi a una varietà di asceti, maghi e artisti di strada. Spesso confuso con Mohammedan " fachiro " lo yogi è venuto a simboleggiare tutto ciò che era sbagliato in certi tributari della religione indù. Le contorsioni posturali dell'hatha yoga erano associate all'arretratezza e alla superstizione. Era la povertà che faceva sì che molti hatha-yogi facessero ricorso alle prestazioni di strada per il loro sostentamento, ed era una nuova tecnologia della fotografia del tardo diciottesimo secolo che rendeva familiari gli occidentali quali erano per loro le contorsioni posturali morbosamente affascinanti degli yogi. Ma la pratica della postura in realtà ha giocato un ruolo relativamente piccolo nell'hatha yoga pre-moderno. Altre pratiche, che oggi occupano un ruolo secondario nella maggior parte dei libri e delle lezioni di yoga, sono state enfatizzate più fortemente. Ad esempio, una pratica che è stata fondamentale per lo yoga premoderno, ma raramente viene insegnata nello studio medio nordamericano, sono le sei purificazioni, o

satkarmas . Questi includonodhauti , pulendo lo stomaco inghiottendo una lunga striscia di stoffa ebasti , un clistere yogico.Pranayama (respirazione yogica) emudra (i gesti rituali) sono stati in gran parte relegati al backburner dello yoga. In effetti, la stessa fisiologia tantrica che è alla base dell'hash yoga tradizionale gioca solo un ruolo secondario nella pratica contemporanea popolare.Negli anni '90 del XIX secolo, i valori vittoriani lasciavano molti occidentali impreparati all'ha hatha e alla sua enfasi sul corpo. Ma Vivekananda ha fatto molto per riscaldare l'Occidente allo yoga. Sebbene non abbia menzionato yoga per nome al parlamento, in successive conferenze lo ha fatto. Da un centro spirituale ritirato dall'ospite nel Maine a una sala da musica con pannelli in teak fuori da Harvard, Vivekananda istruiva esplicitamente gli studenti nel raja yoga. Il suo approccio, tuttavia, ha offuscato le tradizioni.

Lo swami ha affermato di insegnare da una prospettiva puramente Vedanta e di essere sprezzante di hatha. Eppure, senza nominarli, ha citato i

Yoga Sutra , che presentano una concezione della divinità molto diversa da quella del Vedanta. E anche se Vivekananda ha saltato oltreasana , il terzo degli otto arti di Patanjali, Syman dice che ha introdotto la Kundalini e il corpo sottile, non del Vedanta, ma quello più strettamente associato all'ha hatha. " In questo mix, ha inserito il gergo metafisico popolare in Occidente in quel periodo.Per essere onesti, l'India ha una lunga storia di tradizioni sfocate, e Sri Ramakrishna, l'insegnante di Vivekanada, passò dal tantra al Vedanta ed era estremamente difficile indica su come dovrebbe essere praticato lo yoga. Ciò ha lasciato agli studenti di Ramakrishna il margine di interpretazione, che ci porta ad un altro dei suoi diretti discepoli, Swami Abhedananda. Quando Vivekanada tornò in India, mandò Abhedananda in America al suo posto, ma Abhedananda deviava dagli insegnamenti di Vivekananda. Ha insegnato hatha americani, tra cui asana come la posa del loto e

pachimottanasana , o seduta in avanti.Lo yoga era ora pronto per il suo matrimonio con il movimento fitness che ha a cavallo tra il XIX e il XX secolo. Mark Singleton dà un'occhiata ai primi manuali di yoga popolari in inglese:

Gli asana dello hatha yoga erano comunemente, anzi abitualmente, paragonati alla ginnastica in questi manuali. Queste interpretazioni dello yoga posturale erano significativamente divergenti da quelle date da "classico". testi di hatha yoga… In effetti, l'intera struttura somatica e filosofica di questo nuovo yoga in lingua inglese sembrava essere stata sostituita da un moderno discorso di salute e fitness. Un esame dei manuali di ginnastica europea del XVIII e all'inizio del XX secolo nella British Library e nella Cambridge University Library mostrò senza alcun dubbio che gli autori di yoga anglofone avevano innestato elementi della moderna cultura fisica sull'ortoprasia dell'hatha yoga e apparentemente asportato quelle parti che erano difficili da riconciliare con il discorso emergente sulla salute e il fitness.

Di particolare rilevanza sono i sistemi scandinavi derivanti da Ling, gli insegnamenti [bodybuilding] di Sandow e i metodi dell'YMCA. Questi tre erano i principali attori stranieri nella formazione della moderna cultura fisica in India e quindi contribuirono anche a determinare la forma delle nuove sintesi di hatha yoga.

Lo yoga nella sua fase di cultura fisica si mescolò anche con il nazionalismo indiano. Gli educatori coloniali britannici presentavano gli indiani come deboli che meritavano di essere dominati, ma, come rivela il capitolo cinque del

Corpo di Yoga , gli indiani sovvertirono il gioco della Gran Bretagna: rielaborarono la cultura fisica europea come una tecnica "indigena" dell'uomo-.edificio " Infatti, dice Singleton, "La pratica dello yoga, in alcuni ambienti, divenne un alibi per l'addestramento alla resistenza violenta e militante". Un'altra influenza occidentale sullo sviluppo dello yoga fu il volto più femminile della cultura fisica, che Singleton chiama " ginnastica armonica. " Erano sistemi di movimento esoterici praticati all'inizio del XX secolo, principalmente da donne, e sostenuti dall'idea che il proprio benessere spirituale, la salute fisica e persino le circostanze economiche avevano una connessione diretta con il proprio rapporto con il cosmo. Curiosamente, sebbene le tecniche di allungamento e relax non fossero chiamate yoga, assomigliano più allo yoga transnazionale di oggi che alle forme di costruzione del corpo che erano

identificati come yoga in quel momento. Forse era inevitabile che questo scambio di idee tra Est e Ovest sarebbe culminato nel primo guru americano. Nato nel 1876, si chiamava Pierre Bernard, o meglio si chiamava lui-Perry Baker. Un'altra domanda a cui non avrebbe dato una risposta diretta era la sua città natale. Era Leon, Iowa, anche se a turno sosteneva che Parigi, Chicago e Des Moines fossero la sua origine. Tuttavia, questo è vero: da giovane, la sua famiglia voleva che facesse l'apprendista con un operaio, ma invece apprendeva con uno yogi che viveva di fronte a lui.Bernard ottenne per la prima volta l'attenzione del pubblico nel 1898 quando, assistito da quasi quaranta medici e chirurghi, ha dimostrato

Kali-Mudra

, la simulazione della morte. Syman descrive una foto successiva di un evento simile: "Il corpo di Bernard è rilassato e il sangue gli cola dal naso, come un medico, in un cappotto nero in spalla… le dita al polso, cercando ma non trovando il suo polso. Bernard aveva usato il pranayama per rallentare il battito del suo cuore fino all'impercettibile. Bernard continuò a lanciare scuole di yoga su entrambe le coste, che furono saccheggiate dalla polizia a causa del suo presunto comportamento con ragazze minorenni; l'International School of Vedic and Allied Research, che è stata sostenuta da rinomati studiosi; e il lucroso Clarkstown Country Club, che ha inserito lo yoga nel suo programma di intrattenimento. Bernard era un esperto di asana e un dotto studioso tantrico, ma non è chiaro se abbia fatto di più per promuovere l'hatha o per macchiare la sua reputazione. Era famoso per i suoi riti sessuali e il suo deambulazione e, con le ereditiere che finanziavano i suoi progetti, si credeva che fosse un truffatore.Indra Devi, di origine russa, si dimostrò un sostenitore dello yoga più salutare, ma assolutamente affascinante. Secondo Syman,

il successo quasi immediato di Devi a Los Angeles sembra una strana favola: uno straniero di mezza età, praticamente sconosciuto, si reca nella Città degli Angeli per insegnare un tipo di yoga relativamente oscuro e viene quasi subito patrocinato dal le più grandi stelle della città. Ma non c'era niente di particolarmente insolito nel corso degli eventi. Devi aveva vissuto la maggior parte della sua vita in compagnia di regalità di qualche tipo e aveva la certezza della ricchezza, anche se da tempo aveva rinunciato alle sue manifestazioni esterne.

Nata Eugenie Peterson nel 1899, era fuggita dalla Russia durante la rivoluzione e andato a Berlino, dove è diventata la protagonista attrice e ballerina del celebre teatro Der Blaue Vogel. Più tardi sposò un diplomatico ceco e divenne una hostess e studentessa di yoga in India. Il suo insegnante, il famoso Sri Krishnamacharya, che ha anche insegnato ai luminari dello yoga B.K.S. Iyengar e Pattabhi Jois, originariamente rifiutarono di insegnare a Devi perché era una donna, ma capitolò quando il raja di Mysore gli chiese di farlo. Apparentemente Krishnamacharya fu soddisfatta dei progressi che fece, perché un anno dopo chiese / ordinò a Devi se stessa di iniziare a insegnare.

Quando arrivò a Hollywood nel 1947, gli angeli erano affamati di hatha, poiché rispondeva a due bisogni: i loro desiderio personale per la realizzazione spirituale e l'esigenza dell'industria cinematografica di apparire giovani e ordinati. "Insegnante, Devi è stata sia gentile che esigente, " dice Syman. "Ha dettato alcuni principi fondamentali: l'Hatha Yoga conteneva tutto ciò che avevi bisogno di sapere per la salute perfetta, la pace della mente e la realizzazione spirituale; era l'unico yoga adatto alle vite moderne occupate; e sarebbe pericoloso per lei trasmettere qualcosa di una questione spirituale. (Avevi bisogno di un guru per questo.) "

L'era del guru raggiunse il suo apice vent'anni dopo. Pensa a Swami Satchidananda, l'autore di

Hatha Yoga

, e come a Woodstock ha guidato l'alta e giovane moltitudine nel cantare sillabe sanscrite. "Decine di migliaia di americani si sono gettati a capofitto in uno yoga spiritualizzato", "Dice Syman," il tipo che ha preso il sopravvento per tutta la tua vita, il tipo che ti ha fatto perdere tutto per seguire il tuo guru, il tipo che ti ha portato in India, senza soldi in tasca e non ti interessa nemmeno. " Allo stesso tempo, anche i subalterni in numero crescente stavano imparando ad abbassare il cane. Il loro yoga, tuttavia, tendeva ad avere un sapore diverso; largamente privato della spiritualità, assomigliava alla terapia fisica. Syman sostiene che gli insegnanti di yoga basati sul corpo stavano seguendo un guru indiano-B.K.S. Iyengar, l'autorevole autore diLight on Yoga

. Iyengar, che ha recentemente ammesso che la dimensione spirituale dello yoga non è venuta a lui fino a dopo tre decenni di pratica, ha proibito agli istruttori di insegnare la meditazione o il canto nelle loro classi. L'America centrale, dice Syman, aveva bisogno che lo yoga fosse non religioso per accettarlo. Ma avevano anche bisogno di un indiano, con la credibilità che la sua etnia conferiva, di consegnargli il loro yoga non religioso. Yoga Journalpubblicò il suo primo numero nel 1975; sia lo staff che gli scrittori erano volontari e la rivista è stata distribuita da una società specializzata in pornografia gay. Oggi conta quasi due milioni di lettori. Sebbene non limitato a un singolo insegnante o metodo,

Yoga Journalsi è ampiamente specializzato nello yoga simile a Iyengar. L'enfasi è sull'anatomia, la psicologia e la salute legata alla terra. E quando gli articoli trattano argomenti più esoterici, il linguaggio è clinico. Secondo uno studio del 2008 in Yoga in America, il numero di adulti che praticano yoga è cresciuto da circa quattro milioni nel 2001 a quasi sedici milioni nel 2007. Stefanie Syman offre questa storia per dimostrare che, sebbene l'hatha yoga possa avere le sue ossa sedute a est, si è finalmente piegato verso ovest: nel 2009 lo yoga è stato praticato da bambini che vanno dai bambini agli adolescenti all'annuale Easter Egg Roll on the White Prato casa Michelle Obama ha dato il benvenuto a tutti: "Il nostro obiettivo oggi è solo quello di divertirsi. Vogliamo concentrarci sull'attività, mangiare sano. Abbiamo yoga, balliamo, abbiamo storie, abbiamo decorazioni per le uova di Pasqua. "Lo yoga è divertente ed è parte della vita pulita - questo è il messaggio di oggi. Sono finiti i truffatori e i rivoluzionari di hatha. E, per molti praticanti, anche se ne è andato lo scopo originale di hatha: la trasformazione. Ma non importa, insistono gli altri praticanti. Anche se il tuo motivo è solo un six-pack, le posture sono sempre di più. E un bel giorno nell'albero o nel cobra ti ritrovi trasformato.

Foto © flickr.com/lululemon athletica

pratiche

Nessuna domanda, lo yoga ha un grande seguito in Occidente. Ma come ha fatto lo hatha yoga, in particolare la pratica degli asana, al centro della scena? E quale ruolo ha avuto l'Occidente in quella preferenza? Andrea Miller recensisce due libri che rispondono a queste domande: Yoga Body: Le origini della moderna postura pratica, di…