Quando la tua mente va a cavallo di corda... Inizia di nuovo

Trova il tuo metodo | Vanni De Luca | TEDxGenova (Potrebbe 2019).

Anonim
Una storia di sfrenata mancanza di mente, colpi di tosse e lezioni non apprese.

Mentre giaccio sul pavimento piagnucolando dal dolore, tutte le cose che stanno per diventare difficile girare nella mia testa: Ho tre articoli per finire di scrivere e un podcast da modificare, mia figlia ha bisogno di essere prelevata da scuola presto, devo andare a fare la spesa perché siamo senza pane, le ragazze ' i vestiti sono al piano di sopra e devono essere puliti per domani…

Sento la mano della mia figlia più giovane sulla mia spalla e mi tira fuori dalla spirale del pensiero.

"Mamma, stai bene?"

Il mio cane cammina sopra e mi dà una gomitata sulla guancia, come per rispecchiare la domanda di mia figlia.

"Sì", riesco a cigolare, non in modo convincente.

Mi alzo e cerco di sembrare che non stia soffrendo.

"Mi sono solo fatto male alla caviglia. Un po 'di ghiaccio aiuterà. "Salto sul congelatore e prendo un impacco di ghiaccio. Mia figlia salta via, canticchiando, e torna a costruire un forte nel soggiorno.

Merda. Odio essere ferito,mi lamento .Il pacco di ghiaccio si sente come schegge di vetro che mi frantumano la pelle.

Scrivo a mio marito:

"Mi sono solo slogato la caviglia molto male"

(Più tardi mi farà i complimenti per l'uso corretto dell'avverbio.)

Mi siedo al tavolo della cucina, provando solo a respirare.

Posso farlo fuori , penso. Mi alzo e metto un po 'di peso sul mio piede sinistro. Il dolore mi fa accelerare la gamba tanto velocemente lo sento tra le labbra.

Faccio un passo e mi si spezzano le caviglie e si rompe e suona come un ramo che si rompe sotto i piedi. Merda .

I hop back sulla sedia e siediti lì ad ascoltare mia figlia canticchiare nell'altra stanza.

Inspirare, espirare,Dì a me stesso. Sentire il tuo respiro entrare nel tuo ventre e riempirlo. Poi senti uscire l'aria.

Penseresti che il dolore alla caviglia sarebbe sufficiente per tenermi nel mio corpo, ma il mio cervello vagabondo e occupato non ce l'ha. Dopo un solo respiro il mio cervello è spento su un'altra tangente "questo fa schifo":

Ci sarà il nostro viaggio escursionistico questo fine settimana… Oh, dovrei volare ad Halifax per lavoro tra tre settimane. Non è brutto volare con un osso rotto? Mi chiedo se l'ho rotto? Spero di non aver strappato un legamento…

New At This Mindfulness Thing

Sono ancora nuovo nel praticare la consapevolezza. Sembra abbastanza semplice: concentrati sul tuo respiro, riconosci quando la tua mente vaga, e poi torna al tuo respiro quando ti sorprendi a vagare. Facile, giusto? Risulta, ci vuole un sacco di pratica per essere in grado di fare quelle tre cose semplici.

La mia primissima esperienza di meditazione è accaduta non molto tempo fa, quando ero seduto in una sala conferenze piena di 500 persone, essendo stato invitato a partecipare una conferenza di consapevolezza a Washington come parte del mio colloquio di lavoro per Era la prima volta che incontravo i miei potenziali colleghi faccia a faccia.

Naturalmente ho avuto un raffreddore, uno cattivo, il giorno in cui sono partito per DC.

La prima mattina della conferenza, Poco dopo aver stretto le mani con l'editore e gli editori, mi sono seduto in una sala gremita, stretto tra il redattore capo e uno degli editori in generale. L'uomo che esegue la meditazione ci ha detto di sentire tutti i nostri corpi nelle nostre sedie, metterci a proprio agio e concentrarsi sul nostro respiro. Ha suonato un campanello per iniziare la meditazione.

Mi sono sistemato un po 'nella mia sedia. Squittì mentre mi muovevo. I miei piedi erano sul pavimento, la mia schiena era dritta; Avevo messo la mia borsa ai miei piedi nel caso in cui avessi bisogno di prendere un fazzoletto.

Ho iniziato a concentrarmi sul mio respiro, dentro e fuori, come diceva l'uomo. Mi sentivo calmo, rilassato.

E poi ho pensato, Spero di non avere il solletico in gola e di iniziare a tossire in questa stanza piena di gente che medita tranquillamente.

Non appena il pensiero è entrato nella mia mente ho sentito il primo solletico. Mi schiarii un po 'la gola, sperando che passasse, ma no… aveva altri piani.

Il solletico si è infilato in fondo alla mia gola, si è avvolto attorno alla trachea e ha scavato in profondità.

Ho preso un piccolo respiro, cercando di rilassarsi. E poi ho iniziato il più forte, odioso colpo di tosse possibile umanamente.

Il primo uscì dalla mia pancia e scosse tutto il mio corpo. Morve iniziò a gocciolare fuori dal mio naso. Il mio corpo si piegò in avanti e io rimasi senza fiato per l'aria. Ho rovistato nella mia borsa per un fazzoletto di carta, ho trovato una losanga e l'ho aperto. La carta increspata echeggiò attraverso la sala mentre 499 meditatori inspiravano silenziosamente e espiravano.

Riuscii a prendere la losanga nella mia bocca e ad acquietare il mio corpo per un momento. Ho tirato fuori dalla borsa la mia borraccia, sperando che un sorso aiutasse a calmare questo spasmo bronchiale. Ho attorcigliato il tappo sulla bottiglia con solo il pollice e l'indice, l'involucro di losanga e il tessuto ancora accartocciati nella mia mano. Il berretto cadde e rotolò a terra sotto i piedi dell'EIC. L'ho ignorato e ho preso un sorso veloce. Non appena l'acqua ha colpito la parte posteriore della mia gola, il solletico ha schiacciato il mio esofago. Mi sono soffocato sull'acqua e un altro violento attacco di tosse ha preso il sopravvento. Tosse mi attraversò il corpo mentre tentavo disperatamente di prendere almeno un respiro.

Per tutto il tempo, il resto della stanza inspirò silenziosamente e espirò.

Quando finalmente presi il controllo del mio corpo, i miei occhi Erano pieni di lacrime, le mie mani piene di fazzoletti, involucri di losanga e una bottiglia d'acqua con un sorso tolto, e il moccio mi luccicava sul naso.

L'uomo che gestiva la meditazione suonò il campanello e il resto della stanza cominciò mescolare

ricominciare

Mentre mi siedo al tavolo della mia cucina con ghiaccio che mi brucia la caviglia, cercando di ricordare come respirare, solo per farmi un respiro prima che la mia mente riprenda a vagare, ricordo qualcosa che Sharon Salzberg mi ha detto recentemente:

"L'inizio è di nuovo la parte più importante dell'intero processo. Ricominciamo sempre da capo a capo e ricominciamo da capo. "

Respiro. Sento mia figlia canticchiare. Io espiro.

Per la prima volta noto che le mie spalle sono curve, come se guardassi il mio corpo da ulteriori danni. La mia mascella è serrata dal dolore. Mi rilasso la mascella e inspiro. Lascio cadere le spalle, liberandole dal loro dovere di protezione.

Uno spazio si schiarisce nella mia mente. Faccio un altro respiro e sento che mi fa più spazio nella testa.

Il mio telefono squilla. È mio marito Sta tornando a casa.

Rallenta e presta attenzione

Dopo un viaggio alla clinica di emergenza (dove mi dicono che è solo una distorsione) e una telefonata il giorno successivo da un medico della clinica che ha recensito la mia x- raggi, scopro che mi sono fratturato la caviglia e ho bisogno di vedere un ortopedico.

Due giorni dopo, quando finalmente vedrò l'ortopedico (tre applausi per il sistema sanitario americano!), mi fa la domanda che ho Ho temuto:

"Che cosa hai fatto?"

Comincio a parlare velocemente per farla finita con: "Beh, ero al mio tavolo della cucina, scrivendo un articolo per lavoro. Ero seduto sul mio piede mentre scrivevo e non mi rendevo conto che il mio piede si era addormentato. Mi alzai per vedere cosa stava facendo mia figlia e, non appena appoggiai il peso sul mio piede, la mia caviglia rotolò da sotto di me e io guardai in faccia, piantati sul pavimento. "

Silenzio.

Il dottore mi guarda per un lungo secondo.

"Questa è una storia davvero terribile. Non puoi dirlo a nessuno. Hai bisogno di inventare qualcosa. "

Sì, è una brutta storia.

Ero così preso dal mio lavoro finito, scrivendo un articolo sulla consapevolezza, che non sentivo abbastanza il mio corpo per rendersi conto che il mio piede dormiva.

Chiaramente, ho molto da imparare e una lunga strada da percorrere nel mio percorso verso la consapevolezza. Fortunatamente, ho da quattro a sei settimane di seduta davanti a me per esercitarmi a rallentare, respirare e ricominciare.

Iscriviti per supportare