Che cosa succede se le scuole insegnano la gentilezza?

La infancia nos marca, ¿qué personaje interpretas en tu vida? por Paloma Crisóstomo (Luglio 2019).

Anonim
Laura Pinger e Lisa Flook condividono le loro lezioni creando un "curriculum di gentilezza" per i giovani studenti.

Camminando in classe un giorno, uno di noi (Laura) vide un giovane studente piangendo e aspettando che sua madre arrivasse - si era spaccato il mento mentre giocava. Quando Laura è andata a lezione, gli altri studenti erano molto arrabbiati e spaventati per il loro amico, pieni di domande su cosa gli sarebbe accaduto. Laura decise di chiedere alla classe come potevano aiutarlo.

"Pratica premurosa!" Esclamò uno dei bambini - e tutti si sedettero in un cerchio che offriva sostegno e auguri. I bambini si sono immediatamente calmati e hanno continuato con la lezione.

Questo è ciò che è possibile quando i bambini imparano a essere gentili a scuola.

Sono stati sviluppati vari programmi di consapevolezza per gli adulti, ma noi ei nostri colleghi del Centro per le menti sane all'università del Wisconsin, Madison, volevo sviluppare un curriculum per bambini. Ogni scuola insegna matematica e lettura, ma che dire della consapevolezza e della gentilezza?

Abbiamo finito per portare un programma di studi di 12 settimane a sei scuole nel Midwest. Due volte alla settimana per 20 minuti, i bambini della pre-scuola sono stati introdotti a storie e pratiche per prestare attenzione, regolare le loro emozioni e coltivare la gentilezza. È solo l'inizio, ma i primi risultati della nostra ricerca, co-mandati dal professor Richard Davidson e dall'assistente di ricerca laureato Simon Goldberg, suggeriscono che questo programma può migliorare i voti, le capacità cognitive e le capacità relazionali dei bambini.

Perché insegnare la gentilezza ai bambini ?

L'ambiente scolastico può essere molto stressante; oltre a tutti i problemi che portano da casa, molti studenti fanno fatica a fare amicizia e ad esibirsi bene in classe. Essere esclusi, ignorati o presi in giro è molto doloroso per un bambino, e abbiamo pensato che potesse essere di impatto insegnare empatia e compassione.

Quando altri bambini stanno soffrendo, come quel ragazzo che gli ha spaccato il mento, possiamo capire come potrebbe sentirsi? La gentilezza colma queste lacune e aiuta a costruire un senso di connessione tra gli studenti, gli insegnanti e persino i genitori. Imparare a rafforzare la loro attenzione e a regolare le loro emozioni sono capacità fondamentali che potrebbero avvantaggiare i bambini a scuola e per tutta la vita.

Inoltre, avere aule scolastiche piene di bambini consapevoli e gentili cambia completamente l'ambiente scolastico. Immagina intere scuole, interi distretti, in cui si enfatizza la gentilezza. Sarebbe veramente potente. La gentilezza nell'insegnamento è un modo per ingannare una trasformazione diffusa che non richiede grandi cambiamenti politici o un ampio coinvolgimento amministrativo.

Esecuzione e studio di un curriculum di gentilezza

Se hai visitato una delle nostre classi durante il programma di 12 settimane, potresti aver visto un poster sul muro chiamato "Kindness Garden". Quando i bambini compivano un atto di gentilezza o ne beneficiavano uno, aggiungevano un adesivo al poster. L'idea è che l'amicizia è come un seme - ha bisogno di essere nutrito e curato per crescere. Attraverso quell'esercitazione, abbiamo ottenuto che gli studenti parlassero di come la gentilezza si sentisse bene e di come potremmo crescere più amicizia in classe.

Un altro giorno, potresti aver trovato studenti in coppia con bacchette della pace, una con un cuore e una con una stella.Il bambino con la bacchetta del cuore parla ("dal cuore"); l'altro bambino (il "star listener") ascolta e poi ripete ciò che è stato detto. Quando c'era un conflitto tra studenti, usavano le bacchette per sostenere il processo di prestare attenzione, esprimere i loro sentimenti e costruire empatia.

Il nostro curriculum di gentilezza combina attività creative come queste, così come libri, canzoni e movimento, comunicare concetti in modo comprensibile ai bambini di quattro anni. I nostri istruttori hanno insegnato il curriculum con la partecipazione attiva degli insegnanti di classe.

Il curriculum di gentilezza è progettato attorno all'ABC o, più specificamente, dalla A alla G:

  • Attenzione.Gli studenti apprendono che ciò su cui si concentrano è scelta. Concentrando l'attenzione su una varietà di sensazioni esterne (il suono di una campana, l'aspetto di una pietra) e sensazioni interne (sentirsi felici o tristi), i bambini imparano a dirigere la loro attenzione ea mantenere la messa a fuoco.
  • Respiro e corpo.Gli studenti imparano a usare il respiro per coltivare un po 'di pace e tranquillità. Invece di ascoltare una meditazione, abbiamo suonato una canzone dal CD di Betsy Rose Calm Down Boogie , "Breathing In, Breathing Out", mentre i bambini riposavano sulla schiena con un berretto sul ventre. Il beanie forniva un oggetto per "addormentarsi" con l'inspirazione naturale e l'espirazione, mentre il respiro calmava il corpo.
  • Cura.Qui insegniamo ai bambini a pensare a come gli altri si sentono e coltivano gentilezza. Leggiamo il libro Il primo giorno di scuola di Sumi , la storia di uno studente straniero che lotta con l'inglese e pensa a come aiutare uno studente come Sumi - semplice come offrire un sorriso.
  • A seconda altre persone.Sottolineiamo che tutti supportano e sono supportati da altri attraverso il libro Somewhere Today , che descrive atti di gentilezza che stanno accadendo nel mondo in questo momento. Gli studenti imparano a vedere se stessi come aiutanti e iniziano a sviluppare gratitudine per la gentilezza degli altri.
  • EmozioniChe emozioni provano e assomigliano? Come puoi dire quello che senti? Giochiamo a un gioco in cui l'insegnante e gli studenti a turno fingono di essere arrabbiati, tristi, felici o sorpresi, indovinando quale emozione è stata espressa e parlando di come si sentono queste emozioni nel corpo.
  • Perdono.Giovani i bambini possono essere particolarmente duri con se stessi e con gli altri e noi insegniamo loro che tutti fanno errori. Un libro intitolato Down the Roadracconta la storia di una ragazza che rompe le uova che ha comprato per i suoi genitori, ma la perdonano.
  • Gratitudine.Vogliamo che i bambini riconoscano gli atti gentili che le altre persone fanno per loro, così li facciamo fingere di essere vari lavoratori della comunità come autisti di autobus e vigili del fuoco. Poi, parlano di essere grati a quelle persone per come ci aiutano.

Sessantotto studenti hanno partecipato alla ricerca, con circa la metà esaminando il curriculum di gentilezza e l'altra metà misurata come un confronto. Per indagare sull'impatto del curriculum, abbiamo testato i bambini prima e dopo il periodo di formazione.

"Gli studenti che hanno seguito il curriculum hanno mostrato maggiore empatia e gentilezza e una maggiore capacità di calmarsi quando si sentivano turbati, secondo gli insegnanti valutazioni. "

I risultati del nostro studio sono stati promettenti. Gli studenti che hanno seguito il curriculum hanno mostrato maggiore empatia e gentilezza e una maggiore capacità di calmarsi quando si sentivano sconvolti, secondo le valutazioni degli insegnanti. In un esercizio con adesivi, hanno condiviso costantemente circa la metà di loro, mentre gli studenti che non avevano seguito il curriculum erano meno partecipi nel tempo. Hanno guadagnato voti più alti alla fine dell'anno in alcune aree (in particolare per lo sviluppo sociale ed emotivo) e hanno mostrato un miglioramento nella capacità di pensare in modo flessibile e ritardare la gratificazione, abilità che sono state collegate alla salute e al successo più tardi nella vita.

Questo è stato un piccolo studio e ci piacerebbe vedere ulteriori approfondimenti sul nostro curriculum di gentilezza in futuro. Ad esempio, cosa succede più a lungo se supportiamo la pratica degli studenti durante tutto l'anno e nel prossimo anno scolastico e oltre? Se i genitori sono stati coinvolti nel curriculum, potrebbero fornire anche un supporto potente.

"Gentilezza" nella vita quotidiana

La consapevolezza e la gentilezza vanno di pari passo, tanto che la frase "gentilezza" accidentalmente (ma giustamente) è uscito in una delle nostre conversazioni e si è bloccato con noi. Mentre abbiamo amministrato un curriculum specifico per gli scopi del nostro studio, qualsiasi insegnante o genitore può portare i principi dietro di esso a sopportare le loro interazioni con i bambini.

La prima chiave è semplicemente quella di modellare consapevolezza e gentilezza. Ad esempio, quale qualità di attenzione portiamo quando interagiamo con i nostri bambini? Diamo loro il nostro pieno contatto con l'attenzione, inginocchiandoci per parlare con loro, facendo domande o siamo distratti? I bambini sono straordinariamente attenti e capiscono se stiamo prestando attenzione a loro. Modellando il comportamento e attraverso le nostre interazioni, mostriamo loro cosa vuol dire essere visti e ascoltati e essere compassionevoli con gli altri.

Un'altra semplice attività è quella di rilassarsi e sentire il respiro naturale per alcuni momenti durante il giorno. I bambini devono essere attivi e correre intorno, naturalmente, ma possono trarre beneficio anche dalla coltivazione di un po 'di calma. Ad esempio, quando Laura entra in classe, lei o uno dei suoi studenti suona un campanello, che segnala agli studenti di ascoltare fino a quando il suono finisce e poi si sentono cinque inspirazioni e inspirazioni insieme. Questa pratica accontenta gli studenti e raccoglie la loro attenzione in modo che siano più pronti per imparare.

Possiamo anche aiutare i bambini a riflettere sulle loro emozioni, che a volte si sentono opprimenti e cambiare il loro rapporto con loro. Dopo che un bambino si è calmato, possiamo sederci con loro e riflettere su quella sensazione. Quale parte del corpo si sentiva arrabbiata, felice o turbata? Tutte le emozioni sono naturali, quindi i bambini non dovrebbero sentirsi male nel provarli; possiamo insegnare loro a coltivare un atteggiamento più gentile. Ad esempio, un genitore potrebbe dire: "Quando mi sento triste o arrabbiato, non mi sento bene nel mio corpo. Ma tutte le persone hanno sentimenti. I sentimenti ci aiutano a conoscere noi stessi e gli altri. Posso essere gentile con me stesso, non importa quali siano i sentimenti. Posso migliorare sempre di più imparando dai miei sentimenti. "

E, a proposito, pratiche come queste sono ugualmente utili per genitori e insegnanti, che stanno lottando con luoghi di lavoro stressanti o aule impegnate. Per gli insegnanti, le brevi pratiche con gli studenti molte volte durante la giornata scolastica consentono a tutti di fermarsi e di essere pienamente presenti a se stessi, a vicenda e a ciò che sta accadendo, che sia piacevole o spiacevole. Per i genitori, la consapevolezza e l'educazione di autocompiacimento permettono loro di essere più presenti con il loro coniuge e figli a casa e con i loro colleghi al lavoro.

Infine, per combinare i concetti di consapevolezza e gentilezza, possiamo insegnare la pratica di cura al nostro bambini. Queste frasi funzionano bene per i bambini: Posso essere sicuro, posso essere felice, posso essere sano, posso essere pacifico.

Quando il ragazzo si spaccò il mento, gli altri quattro anni si riunirono per fai questa pratica: Puoi essere al sicuro, che tu possa essere felice, che tu possa essere sano, che tu possa essere pacifico.

E questi desideri possono essere ulteriormente estesi: Alla mia intera classe, alla mia scuola, alla mia quartiere, tutta la mia comunità… Che tutti noi siamo al sicuro, che tutti noi possiamo essere felici, che tutti noi possiamo essere sani, che noi tutti siamo pacifici.

Nel mezzo della loro angoscia, i bambini hanno trovato conforto e sostegno per se stessi e il loro amico piuttosto che sentirsi turbati e preoccupati. In seguito hanno condiviso con lui che gli avevano offerto questi desideri. Sono questi piccoli cambiamenti, diffusi tra le classi, che potrebbero rendere le scuole più gentili e educare una nuova generazione di cittadini più compassionevoli e connessi.

Questo articolo apparve originariamente su Greater Good , la rivista online di UC Greater Good Science Center di Berkeley, uno dei partner di Visualizza l'articolo originale.
Iscriviti per supportare