Cosa succede dopo?

Cosa succede DOPO LA MORTE su FORTNITE?! (Giugno 2019).

Anonim
Essere nel qui e ora è ciò che riguarda la consapevolezza. Sì e no, dice Barry Boyce. Si tratta anche di essere consapevoli di ciò che è dentro e fuori, passato, presente e futuro. Una volta stabilizzata la nostra mente con consapevolezza, la nostra consapevolezza illumina non solo il momento presente, ma da dove veniamo e dove stiamo andando.

Molti di noi arrivano alla consapevolezza cercando il sollievo dal confuso miscuglio di pensieri che dominano le nostre vite il più delle volte. Quindi il primo dono che ci dà la consapevolezza - dopo esserci abituati alla scioccante semplicità di stare seduti e non fare niente - è un po 'di pace. Non siamo più tormentati dai nostri pensieri, dal momento che osservandoli vanno e vengono, nessun singolo pensiero sembra essere un grosso problema. È come essere in una lavanderia a guardare i vestiti che cadono in una grande asciugatrice. Non dobbiamo rovinare insieme ai vestiti; possiamo semplicemente vederli cadere nello spazio.

Man mano che guadagniamo spazio e pace, iniziamo anche ad affinare la nostra concentrazione. Possiamo tenere la nostra attenzione su un oggetto più a lungo, sia che si tratti di un problema difficile sul lavoro o semplicemente delle linee sulla strada da percorrere.

Tranquillità e concentrazione sono grandi benefici, degni di festa. Ma il viaggio di consapevolezza non finisce qui, perché mentre sviluppiamo la calma e la concentrazione, un tipo più ampio di consapevolezza comincia ad arrivare naturalmente.

Prenditi cura di pensare, per esempio. In questa pratica di consapevolezza momento per momento, prestiamo attenzione con un tocco leggero a ciò che stiamo mettendo nelle nostre bocche: il gusto, la consistenza, l'aroma e l'atto di masticare e deglutire. Quando lo estendiamo all'ambiente circostante il pasto e tutto ciò che il cibo significa per noi - emotivamente, fisicamente, economicamente, socialmente e così via - siamo nel regno della consapevolezza. È lì che l'obiettivo stabile di una mente stabile ci permette di vedere come funziona il mondo e come interagiamo con esso.

La consapevolezza prende la nostra contentezza nel momento presente e la estende in un senso di benessere continuo e una cura profonda per gli altri. Produce intuizioni che influenzeranno il futuro, perché essere consapevoli del momento non significa che non siamo riflessivi e accettiamo lo status quo. La consapevolezza crea simultaneamente l'accettazione e la motivazione per apportare cambiamenti.

La consapevolezza non è qualcosa che produciamo facendo meditazione. Come la consapevolezza, è già lì, parte della nostra eredità umana. È preciso e vivido, ricco e sfaccettato e può essere descritto in molti modi. Qui ci sono solo alcuni dei modi in cui possiamo conoscere meglio noi stessi e il nostro mondo quando la pace della consapevolezza sboccia nella aperta curiosità della consapevolezza.

Puoi iniziare e terminare gli esercizi seguendo ogni sezione con una semplice pratica di consapevolezza. Sedersi o stare in piedi e prendere 5 o 10 minuti per prestare attenzione alla respirazione. Riporta delicatamente la tua attenzione al tuo respiro quando la tua mente inevitabilmente vaga.

The Space Inside

Un bell'esempio del potere della nostra realtà interiore è guardare un film. La luce si proietta su una superficie piatta bianca in una stanza buia, e da queste immagini tremolanti la nostra mente crea personaggi. Proviamo empatia, irritazione, rabbia, attrazione e amore per le persone che non esistono nemmeno.

Proprio come i nostri corpi e le menti sono costruiti per percepire il mondo esterno con precisione, sono anche costruiti per sentirsi. Sentire l'odore di un certo tipo di torta può ricordarti la cucina di tua nonna e suscitare sensazioni di calore e bontà. Le unghie che si graffiano lungo una superficie liscia possono irritarti.

Tendiamo a pensare che le nostre emozioni si registrino sempre nello stesso posto, ma in realtà le sentiamo attraverso il nostro corpo. Abbiamo la pelle d'oca nel mezzo della paura o dell'eccitazione, la nostra mascella si stringe di rabbia, un'ondata di rilassamento si diffonde nel nostro corpo quando qualcuno ci abbraccia.

La consapevolezza interiore consiste nel comprendere i nostri sentimenti e pensieri mentre accadono. Siamo anche consapevoli di come coloriamo il mondo per conformarci alle nostre emozioni- potremmo dipingere un bagliore giallo attorno a ciò che amiamo e, in alternativa, concentrarci sulle peggiori caratteristiche di ciò che ci repulsione.

La nostra vita emotiva interiore è ricca, ma è carica di pericoli. Ci mette nei guai, e rende anche la vita degna di essere vissuta. Raffinando il nostro "occhio interiore", la nostra capacità di vedere chiaramente il funzionamento delle nostre emozioni, ci permette di cavalcarle, piuttosto che essere travolti da loro. Quando diventiamo meno preoccupati che le nostre emozioni ci domineranno o ci rovinano, arriveremo a conoscerle meglio, come un violinista conosce il suo strumento. Possiamo giocarci con attenzione e divertimento libero.

Esplora: lascia che la tua mente si conceda su qualcosa che ti piace: un cibo, una camicia preferita, qualsiasi cosa. Passa qualche minuto a notare i sentimenti che suscita. Ora scegli una persona che ti piace. Lascia che le tue emozioni salgano e cadano. Passa a qualcosa di negativo per un po '. Non cercare di raggiungere alcuna conclusione. Basta notare la qualità dell'emozione, con semplice curiosità.

La nostra vita emotiva, la nostra vita interiore, è ricca e anche piena di pericoli. Ci mette nei guai, e rende anche la vita degna di essere vissuta.

The Space Outside

Sei a una festa. C'è una pausa nella conversazione, e un pensiero ti viene in mente: "Possiamo permetterci di sostituire la lavatrice?" Il pensiero ti afferra e una catena di pensieri si scatena. In poco tempo, sei perso nei suoi pensieri e avvolto nelle tue preoccupazioni. Se qualcuno inizia a parlare con te, sei sorpreso. Ci scusiamo per essere "preoccupati".

Quando pensieri vorticosi ci portano in un mondo tutto nostro, i nostri dintorni ci stanno ancora aspettando in modo affidabile. Quando usciamo dal nostro piccolo sogno, ci togliamo le nostre proverbiali cuffie e il mondo esterno si precipita dentro con tutta la forza.

Potremmo ancora aver bisogno di prendere una decisione riguardo alla lavatrice. Ciò di cui non abbiamo bisogno è di tirarci fuori da ciò che ci circonda e rosicchiare le nostre preoccupazioni come un cane con un osso. Possiamo assistere alla lavatrice a tempo debito, e nel frattempo possiamo apprezzare la semplice vividezza di ciò che stiamo incontrando con i nostri sensi. Ovunque siamo, una gamma completa di colori e consistenza e sapore e odore è nostra per la presa. I volti, i gesti e le voci delle persone stanno comunicando con noi in modi grandi e piccoli. I nostri corpi sono pronti a percepire il mondo con grande precisione, permettendoci di navigare con grazia e facilità.

Consapevoli di dove siamo - lo spazio intorno a noi e lo spazio che stiamo prendendo- possiamo ballare con la vita, piuttosto di attraversarlo. Quando una porta si apre, possiamo lasciare graziosamente spazio agli altri prima di entrare. Siamo aperti per gli affari.

Esplora: Con gli occhi aperti, gira la testa all'estrema sinistra. Ruota lentamente la testa indietro nel mezzo e il più a destra possibile, impiegando diversi minuti per farlo. Bevi le sensazioni di ciò che ti circonda. Restituisci la testa al centro. Riposo. Repeat.

Distinction and Judgments

Una delle istruzioni di mindfulness più comuni è prestare attenzione alla nostra esperienza in modo non giudicante. Col passare del tempo, esercitarsi in questo modo rallenta il meccanismo di giudizio a fuoco rapido nella nostra mente, quello che categorizza un po 'troppo rapidamente e agisce troppo frequentemente sulla base di pregiudizi.

Alcune persone pensano che adottare un approccio non giudicante significhi non esprimere giudizi. Non è vero. La pratica della consapevolezza ci chiede solo di familiarizzare con il momento in cui ci troviamo prima di iniziare a fare distinzioni. Ci chiede di sospendere un po 'i giudizi, non di abbandonarli.

Il nostro intelletto contiene un grande potere di scomporre il mondo in categorie, di fare distinzioni, e di smontare e riassemblare la nostra esperienza all'infinito. Fare distinzioni è deliziosamente complesso. Basti pensare a tutti i colori nella confezione a 120 colori e questo non è niente in confronto agli oltre 1.000 nel sistema Pantone utilizzato dai designer. Considera tutti i nomi di piante e animali, le parole nel dizionario, i brani su iTunes. La nostra capacità di discernere variazioni infinite è la fonte della creatività, del pensiero innovativo e della nostra capacità di prendere decisioni. Coltivare la consapevolezza migliora solo questa capacità.

Con l'apertura e la chiarezza della consapevolezza, possiamo vedere il processo di categorizzazione e valutazione mentre è al lavoro. Possiamo fare un uso migliore della nostra capacità di scegliere e scegliere, discernendo quali azioni creeranno benefici per noi stessi e gli altri e che probabilmente causeranno più danni che benefici. Siamo in grado di percepire i nostri gusti e le nostre preferenze senza aumentare gli altri che non si sentono allo stesso modo. La luce del sole della consapevolezza rivela un mondo che accoglie molti punti di vista.

Vivere con una maggiore consapevolezza significa che non possiamo più operare con certezza solida, la mentalità che conosce tutto ciò che maschera una insicurezza sottostante, ma quando decidiamo, abbiamo più conoscenza di come siamo arrivati. Con un mix di umiltà e sicurezza, possiamo fare salti nel parzialmente conosciuto, desideroso di imparare da ciò che viene dopo.

Esplora: Ricorda una persona che conosci bene. Lascia che le sue caratteristiche e attributi ti vengano in mente. Continua finché non sei stanco della lista. Ora presta attenzione a quali tipi di giudizi stai facendo. Notare se diventano aspri o frettolosi. Come si sente un giudizio onesto?

Possiamo percepire i nostri gusti e le nostre preferenze senza dare una spinta agli altri che non si sentono allo stesso modo.

Tempo

Abbiamo l'abitudine di pensare al tempo come fisso. Un minuto è un minuto è un minuto. Certo, questo è vero da un punto di vista oggettivo, ma raramente siamo l'obiettivo del tempo. Se non vogliamo fare qualcosa, un minuto può sembrare un'eternità e quando siamo assorti in qualcosa, il tempo vola.

Vedere come "il tempo è ciò che facciamo" ci permette di essere più pazienti.Possiamo alleggerire il cronometro dal nostro cronometro e lasciare andare il tempo a misurare il nostro tempo, pensando: "Quando finirà questo?" O "Spero che questo non finisca presto".

Quando mia madre aveva 90 anni, se una dei suoi nipoti direbbero che stavano "invecchiando" mentre si avvicinavano a un altro compleanno, lei diceva "Non invecchiare. Sii vecchio come te. L'invecchiamento si prenderà cura di sé. "Mentre iniziamo ad apprezzare le sottigliezze del tempo, diventiamo più a nostro agio con il processo di invecchiamento. Le cose cambiano. Nascono, maturano, si accartocciano, si raggrinziscono e muoiono.

Diventando più intimamente consapevoli di questo processo inevitabile ci aiuta ad accettare più il passare delle cose che amiamo e più li apprezziamo mentre sono Qui. Possiamo anche apprezzare di più la nascita e la novità, senza cercare di bloccare ogni nuova esperienza. Noi percepiamo le origini e le destinazioni nelle cose più semplici. Quando vediamo dove c'è qualcuno nella vita, siamo interessati non solo all'istantanea ma anche all'arco: come sono arrivati ​​e dove stanno andando. Tutti i bersagli si stanno muovendo.

Quando i nostri pensieri vanno al passato, come devono di tanto in tanto, siamo consapevoli che stiamo semplicemente pensando al passato, non in realtà esserci. Lo stesso vale per il futuro. Essere nel momento non significa che siamo ignari del passato e del futuro. In effetti, siamo molto più consapevoli del passaggio del tempo.

Il mondo ha molti orologi e ritmi, e il sintonizzarsi con loro migliora il nostro tempismo: quando inserirci e quando rimandare indietro. Abbiamo un'idea migliore di quando arrivare, quanto tempo restare, e quando andare avanti, lasciar andare e mettere la festa a letto.

Esplora: quando sorgono pensieri, noti quali sono sul passato, sul vicino passato e il lontano passato. Notare lo stesso sui pensieri futuri. Qual è la differenza? Nota come potresti essere attratto o respinto dal passato o dal futuro. È possibile essere pienamente presenti in mezzo a quei pensieri?


Né la consapevolezza né la consapevolezza sono una cosa sola. Maturano gradualmente, nel tempo. Portano a scoperte occasionali e intuizioni memorabili, ma raramente sono drammatiche.

Consapevolezza e consapevolezza si rafforzano a vicenda in un circolo virtuoso. L'attenzione focalizzata della consapevolezza ispira una consapevolezza più aperta e curiosa. A loro volta, le scoperte che emergono dalla consapevolezza e le scelte che facciamo sulla base di esse, ci permettono di essere più consapevoli in ogni momento. Come gruppo, la razza umana è sempre alla ricerca di più meccanismi, gadget e app, ma il più grande strumento di tutti è il potere di una mente allenata e raffinata. È leggero, portatile, sostenibile, rinnovabile e gratuito. Ed è il nostro.

Questo articolo è apparso anche nel numero di Febbraio di
.