I problemi con le app Mindfulness

Meditazione Guidata per Rilassamento, Ansia, Depressione, Respirazione con Musica Relax (Potrebbe 2019).

Anonim
Quando la tua app di consapevolezza preferita dice che si basa sulla scienza, controlla due volte. Pochi sono in realtà. Due esperti di mindfulness e sviluppatori di app hanno parlato con su come la maggior parte delle app si basano sulla scienza della consapevolezza in generale per sostenere le proprie affermazioni e su come ciò potrebbe portare a problemi e multe in futuro, come ad esempio

Preparatevi ad annoiarvi

Questo è l'essenza di una delle notifiche che ricevete prima di provare la meditazione body scan daMood Balance, un programma basato sul web attualmente essere pilotato in una versione per terapisti. L'app consente agli utenti di prendere a distanza la terapia cognitiva basata su Mindfulness-Based (MBCT) utilizzando il telefono, il tablet o il computer.

Una volta completato l'esercizio di 30 minuti, si passa a un video con un gruppo di persone che " Ho anche appena provato. Alcuni ammettono che a volte l'esperienza non è stata incredibilmente avvincente.

È qualcosa che non senti spesso da un'app di consapevolezza: potresti non apprezzare questo .

Sbatte contro la meraviglia- versione di droga della consapevolezza che siamo così spesso venduti.

In un momento in cui ci sono così tante app di allenamento del cervello che stimolano l'eccitazione per i loro prodotti attraverso il marketing, altri hanno portato al laboratorio - in quale altro modo puoi provare a fare del bene sulle promesse di guadagni cognitivi, sostengono.

Questo è il loro punto di riferimento, ed è uno nuovo. Ma più sviluppatori di applicazioni potrebbero voler seguire l'esempio, specialmente dopo quello che è successo al gioco di brain training Lumosity: a gennaio, la società è stata multata per $ 2 milioni per pubblicità ingannevole. Lumosity ha affermato che i suoi prodotti migliorerebbero le prestazioni cognitive su base giornaliera e proteggeranno dal declino cognitivo, ma non sono stati in grado di fornire la ricerca appropriata per sostenere le sue vaste campagne di marketing. Ad esempio, Lumosity ha preso annunci pubblicitari mirati denominati Adwords con parole chiave come "perdita di memoria", "demenza" e "morbo di Alzheimer".

"Lumosity predava i timori dei consumatori sul declino cognitivo legato all'età, suggerendo che i loro giochi potessero off perdita di memoria, demenza e persino la malattia di Alzheimer ", ha detto Jessica Rich, il direttore del Bureau of Consumer Protection della FTC, in una dichiarazione. "Ma Lumosity semplicemente non aveva la scienza per fare il backup dei suoi annunci."

Quando le app si rivolgono a popolazioni vulnerabili

Visita l'app store e sei accolto con centinaia di app di mindfulness, alcune dozzine di loro che affermano di Benefici al tuo cervello in qualche modo. Alcuni dei più popolari fanno affermazioni sulla salute senza alcuna ricerca per sostenere i loro programmi - si basano sulla scienza della consapevolezza in generale per dimostrare la dignità del loro prodotto. Sembra sufficiente fornire semplicemente un collegamento allo studio di consapevolezza più recente che si sta svolgendo, o una metanalisi completa di quattro anni sulla consapevolezza e X , e poi menzionare come si riferisce la loro app, come se fosse una sorta di l'osmosi era in atto tra lo studio di ricerca, in nessun modo collegato alla società stessa e l'app.

Abbiamo parlato con due ricercatori di consapevolezza che hanno anche sviluppato le proprie app sull'importanza delle app di mindfulness supportate dalla ricerca al fine di individuare esattamente cosa è andato storto con Lumosity e farli condividere lezioni per l'industria nascente di app che allenano il tuo cervello.

Zindel Segal ha sviluppato l'appMood Balance (MMB) menzionata in precedenza. È direttore della formazione clinica presso il dipartimento di specializzazione in scienze cliniche psicologiche dell'Università di Toronto Scarborough, ed è uno degli sviluppatori e fondatori di MBCT. Lavorando con le persone che si stanno riprendendo dalla depressione, Segal è particolarmente preoccupato quando le app con affermazioni sulla salute infondate prendono di mira popolazioni vulnerabili - nel caso di Lumosity, gli anziani.

"Il problema è che ci sono poche prove che i progressi in questi giochi Lumosity abbiano un impatto sulla memoria e il funzionamento cognitivo nel mondo reale quando sei impegnato in altri compiti come aggiungere un conto in un ristorante o se hai una giornata molto impegnativa e sei di fretta ", dice Segal," ed è proprio questo il punto contesa qui. "

La società è stata multata in parte a causa di affermazioni infondate secondo cui i giochi "riducono o ritardano il deterioramento cognitivo associato all'età o ad altre gravi condizioni di salute" secondo il regolamento FTC.

Il programma Lumosity è composto da 40 giochi progettati per addestrare aree specifiche di il cervello. Al momento della multa della FTC, la società pubblicizzava che se gli utenti si allenavano per 10-15 minuti da tre a quattro volte alla settimana, vedevano dei benefici. In un gioco finalizzato all'allenamento dell'attenzione chiamato Train of Thought, gli utenti devono abbinare i treni a stazioni di colore appropriato modificando le tracce. Al livello più alto, 67 treni arrivano da una montagna. In Tidal Treasures, un gioco di test della memoria, gli utenti devono fare clic sugli oggetti spiaggia che si lavano sulla spiaggia che non sono stati selezionati prima.

Mentre le persone potrebbero diventare abili in questi giochi, non è chiaro che i guadagni cognitivi si traducono in tutti i giorni attività. Questo è stato lo stimolo per 70 ricercatori a parlare contro i giochi di allenamento del cervello come Lumosity nel 2014 quando hanno firmato una lettera di consenso con lo Stanford Center on Longevity.

Poiché il lavoro e l'app di Segal riguardano i disturbi dell'umore, ha una app su il suo radar in questo momento: Headspace, in particolare, il loro Depression Pack. L'anno scorso, l'azienda ha lanciato un pacchetto di 30 giorni di pratiche di mindfulness su misura per lavorare con le emozioni legate ai sintomi depressivi.

"Ho ascoltato alcune meditazioni guidate dal pacchetto di depressione: sono piuttosto mindfulness diretti meditazione: osservare i pensieri, lavorare con i pensieri ", dice Segal. "Queste pratiche richiedono un po 'di tempo per le persone depresse che non prendono questo materiale nello stesso modo in cui le persone che non hanno avuto una storia di ruminazione o di auto-giudizio critico."

Per qualcuno che si riprende da depressione, Segal dice che non è una buona idea entrare nella meditazione di consapevolezza con semplici istruzioni guidate, anche se, come nel caso di Headspace, quell'istruzione si basa su un'esperienza di oltre dieci anni nei monasteri di tutto il mondo. Invece, i programmi devono essere adattati alle loro esigenze: mentre imparano le pratiche, devono anche imparare a capire come il loro disturbo si svilupperà durante l'esperienza di meditazione.

"È particolarmente difficile per le persone con depressione Identificare dai propri disturbi del pensiero come la depressione e l'ansia hanno potenti messaggi che i loro pensieri portano informazioni vitali ", dice Segal. "Queste pratiche devono essere personalizzate in un modo che consenta loro di sviluppare le competenze gradualmente e in modo sequenziale fornendo anche informazioni su come il disordine potrebbe camuffarsi in termini di modelli di pensiero."

"È particolarmente difficile per le persone con depressione disidentificarsi dai propri disturbi del pensiero come la depressione e l'ansia hanno potenti messaggi che i loro pensieri portano informazioni vitali. Queste pratiche devono essere personalizzate in un modo che consenta loro di sviluppare le competenze gradualmente e in modo sequenziale fornendo anche informazioni su come il disordine potrebbe camuffarsi in termini di modelli di pensiero. "

-Zindel Segal, direttore della formazione clinica in il Dipartimento di specializzazione in Scienze psicologiche cliniche dell'Università di Toronto Scarborough, co-fondatore di Mindfulness-Based Cognitive Therapy (MBCT)

I pensieri di indegnità e disperazione, per esempio, non fanno parte della realtà che l'individuo deve faccia a faccia, ma superficie a causa del disturbo. Una volta stabilito ciò, "forse possono iniziare ad avvicinare alcuni di questi pensieri un po 'più alla leggera", afferma Segal.

Inoltre, Segal dice che c'è un effetto rimbalzo nel provare le pratiche e rinunciando rapidamente. Le pratiche di compassione, ad esempio, sono difficili quando non ritieni di meritare di essere gentile con te stesso o prestare attenzione alla tua esperienza perché stai lottando con sentimenti di inadeguatezza.

"A meno che tu non abbia un programma che è stato progettato per riconoscere questi bisogni hanno bisogno di prima, quindi farete un disservizio a questa popolazione ", dice Segal.

Headspace ha assunto un responsabile medico interno, David Cox, MD, fino alla primavera del 2016. * Nel 2013, Cox ha co-autore un opuscolo sul tema "Quantifiable Positive Outcomes of Mindfulness Training" con Andy Puddicombe. Ma è difficile determinare quanta ricerca è andata a Headspace per portarla sul mercato nel 2012. L'app, ora scaricata da 8,7 milioni di utenti secondo l'azienda, consiste in dieci minuti di meditazione per dieci giorni: quei primi dieci giorni sono gratuiti. Da lì, per $ 10,83 al mese, hai accesso ai "pacchetti" di meditazione raggruppati in temi come "Equilibrio", "Ansia" e "Autostima".

Headspace elenca i collaboratori di ricerca sul suo sito Web, tra cui Stanford Health Care.Headspace sarà anche coinvolto in una sperimentazione clinica imminente in collaborazione con il Trust NHS di Barts Health: "Meditazione consapevole utilizzando un'applicazione per donne con dolore pelvico cronico". Così l'app sarà utilizzata nell'ambito di uno studio sull'efficacia della consapevolezza per smartphone, ma l'efficacia del programma stesso non è studiata.

Una visita alla pagina introduttiva del Depression Pack e al video con Andy Puddicombe non fa cenno alla ricerca. Quando è stato contattato per un commento sulla ricerca che è stata avviata in particolare in Headspace e Depression Pack, la società ha rilasciato un'intervista.

Non è che Headspace stia acquistando Adwords per la depressione e commercializzando il proprio pacchetto in depressione, ma ci sono parallelismi con Lumosity: propagandare i benefici di un prodotto per dissolvere la depressione prima che il prodotto stesso sia stato testato con gruppi identificati in studi pilota.

Per l'app di Segal, la principale differenza è nella ricerca. Segal sta attualmente raccogliendo dati in uno studio finanziato dal NIH con 460 pazienti presso il Kaiser Permanente in Colorado.

I risultati di questo studio determineranno seMood Balance raggiungerà il mercato.

"Se questi risultati esci e mostra davvero che non c'è differenza tra le persone che fannoMood Balance e quelli che non lo fanno, renderà la vita difficile per noi ", dice Segal.

" Se quei risultati vengono fuori e mostrano davvero non c'è differenza tra persone che fannoMood Balance e coloro che non lo fanno, renderà la vita difficile per noi. "

Costruire le app intorno ai dati, non parlare pubblicamente

" Alcuni hanno sostenuto che Lumosity era il colpo di avvertimento sulla prua del settore che ha messo tutti in evidenza ", dice Judson Brewer, psichiatra e direttore della ricerca presso il Center for Mindfulness della University of Massachusetts Medical School. Brewer ha sviluppato due app: un'app per smettere di fumare chiamata Craving to Quit e un'appeating chiamata Eat Right: Now!

Per portare sul mercato entrambe le app hanno preso studi clinici e studi - non standard in questo frangente per app di mindfulness o qualsiasi applicazioni che si stanno pubblicizzando come terapeutiche.

"Abbiamo visto le aziende fare ogni sorta di affermazioni, non nominerò nessuna in particolare ma hanno a che fare con app e training di consapevolezza e servizi di abbonamento alle loro app-e diciamo "basato sulla scienza" e, a mia conoscenza, c'è almeno un'azienda che non ha pubblicato alcun dato sulle loro app, ma stanno citando la ricerca scientifica sulla consapevolezza in generale ", afferma Brewer.

" Abbiamo visto società fare ogni sorta di reclamo - non nominerò nessuno in particolare, ma hanno a che fare con app e training di consapevolezza e servizi di abbonamento alle loro app - e dicono "basato sulla scienza" e per quanto ne so c'è almeno una società che non ha hanno pubblicato dati sulle loro app ma stanno citando la ricerca scientifica sulla consapevolezza in generale. "

-Judson Brewer, psichiatra addetto alle dipendenze e direttore della ricerca presso il Center for Mindfulness presso la University of Massachusetts Medical School

Alla domanda sulla possibilità di creare la sua app senza ricerca, Brewer rispose:

"Oh Dio, l'app sarebbe stata un mucchio di spazzatura", dice Brewer. "Non avrei saputo da dove cominciare."

Nella stessa esperienza di Brewer, sono i dati che determinano la struttura dell'app, non la grande idea dell'app, o persino l'esperienza meditativa del creatore. Quando sviluppava Craving to Quit, pensò: "Oh, medito, quindi la meditazione deve essere il fondamento, il pezzo più basilare". Ciò che trovò fu che le pratiche di meditazione informale, i piccoli frammenti di consapevolezza analizzati durante il giorno, è stato il più grande driver per le persone a utilizzare l'app, quindi hanno sviluppato il programma intorno a questo.

"Abbiamo dovuto seguire i dati perché le mie previsioni erano sbagliate", afferma Brewer.

Il selvaggio West delle app

Se entri nell'Apple Store sul tuo dispositivo, digita "depressione", è difficile sapere se le app che ricevi sono di alta qualità, se funzionano, se sono anche sicure da usare, "John Torous detto Naturadi recente. È psichiatra presso la Harvard Medical School di Boston, Massachusetts, che presiede la Business App Evaluation Task Force della American Psychiatric Association. Lo stesso articolo cita una recensione del 2013 di app relative alla depressione: all'epoca c'erano 1.500 negozi di app commerciali, ma solo 32 articoli di ricerca pubblicati sull'argomento.

Segal è anche preoccupato per il numero di app di mindfulness testate quando scrive mindfulness nell'app store e sforna 150-200 risultati. Ma era anche parte del suo impulso per lo sviluppo di MMB: la difficoltà di ottenere l'accesso a MBCT - una forma di trattamento economicamente vantaggioso per la depressione ricorrente che è stata raccomandata dall'Istituto Nazionale per l'Eccellenza Clinica (NICE) nel Regno Unito.

L'MBCT comporta un processo di indagine: un paziente acquisisce familiarità con i propri pensieri, identifica schemi negativi, elucubrazioni o distorsioni cognitive e apprende come reindirizzare il processo di pensiero che li mette nei guai. È un approccio basato sulle competenze che consente a una persona di prendere l'abitudine di vedere cosa succede nelle loro menti senza reagire immediatamente al contenuto. È un processo di familiarizzazione con questi modelli - e questo atto di consapevolezza è ciò che aiuta ad allentare la presa di ciò che alcuni chiamano anelli di pensiero negativo e trame che questi schemi possono innescare.

Nella più grande meta-analisi fino ad oggi, che includeva I dati di nove studi clinici che hanno confrontato l'MBCT con i trattamenti di routine per la depressione, compresi gli antidepressivi, hanno dimostrato che il MBCT riduce il tasso di recidiva per un follow-up di 60 settimane.

"Molte persone, anche se lo desiderano, non troveranno un gruppo MBCT vicino a dove vivono ", dice Segal. "Il modello di sanità pubblica direbbe che è meglio dare a tutti un po 'di qualcosa che non riservare tutto per poche persone, ed è da dove veniamo."

In altre parole, mentre Segal dice che il live MBCT l'esperienza di gruppo non è la stessa dell'esperienza MMB, l'app può affrontare un importante divario nell'assistenza sanitaria. MMB è offerto come programma per i terapisti per imparare e poi insegnare ai loro pazienti. Mentre finisci per comprimere il contenuto di un programma di mindfulness di 8 settimane in un'app, è meglio che i terapeuti non abbiano affatto accesso agli strumenti di MBCT.

"Devi sminuire le cose, ma c'è un trade-off è molto importante capire ", dice Segal. "Il motivo per cui abbiamo sviluppato MMB in primo luogo è stato perché esiste questo problema degli ostacoli alle cure."

Il produttore di birra prevede che verranno lanciate sul mercato più app per trattamenti comportamentali e, come altre, non sono app cliniche ma utilizzare il linguaggio medico nelle loro organizzazioni di marketing come l'abuso di sostanze e l'amministrazione della salute mentale, che fornisce linee guida per trattamenti basati sull'evidenza e un registro nazionale dei programmi, potrebbe ereditare un ruolo in questo selvaggio west. In particolare, diventando il punto di riferimento in base al quale le app verranno misurate e le verifiche sulla veridicità delle affermazioni sulla salute saranno fatte.

In definitiva, Brewer pensa che le aziende possano evitare il destino di Lumosity iniziando con i dati: lasciare che il meccanismo di miglioramento e la scienza dietro ciò che funziona determina l'app, e non farti trascinare con l'hype sulla meditazione o su come il cervello può fare cose incredibili se lo alleni.

"Dove tutte le cose della Mcattenzione andranno via è quando siamo in grado di ottenere più app basate sulla meccanica e allenamenti del cervello e terapie."

Essenzialmente, se non riesci a dimostrare che una certa dinamica è a giocare nella tua app e nel cervello delle persone che usano la tua app, come miglioramenti cognitivi o voglie ridotte, diventerà più difficile dire semplicemente che la tua app è "basata sulla scienza" in futuro. Lumosity è una lezione per il campo in rapida crescita e un avvertimento per le app di mindfulness che sono desiderose di sfruttare l'hype e l'entusiasmo intorno alla scienza iniziale in mindfulness: non è sufficiente attaccare il tuo carro alla scienza corrente e dire che la tua app ti aiuta " depressione "o l'ultima moda per la salute. Potrebbe non essere così facile in futuro che gli sviluppatori realizzino i loro materiali di marketing attorno a queste parole chiave senza avere la ricerca per eseguirne il backup.

Come trovare l'app di Mindfulness giusta per te

Ecco tre cose da cercare quando si considera un'app per la consapevolezza:

  • Ottieni chiarezza sul suo scopo : C'è una spiegazione chiara del motivo per cui questa app sarebbe utile? Se è per lo stress, allora come ridurrà lo stress. Se è per l'ansia, allora come aiuterà a ridurre l'ansia.
  • Mostrami la ricerca : Idealmente, qualsiasi affermazione fatta sui benefici dovrebbe essere sostenuta da studi di ricerca che dimostrano che le pratiche incluse nell'app sono utili per queste condizioni.
  • La musica non aiuta : alcune funzioni come la musica sono popolari per le app di rilassamento, ma potrebbero non essere particolarmente utili per le app di mindfulness in cui l'obiettivo è la consapevolezza. "La pratica della consapevolezza riguarda l'osservazione e l'esperienza degli stati che sorgono nella mente così come la troviamo", afferma Segal. "Elementi come musica e cascate sono progettati per indurre uno stato di rilassamento, calma o rilassamento che può essere o non essere nella mente del praticante. Potrebbe rendere più difficile, piuttosto che più facile, connettersi con ciò che sta accadendo nel momento presente. "
Per uno sguardo approfondito ai rischi e ai benefici della pratica della consapevolezza, leggi questo articolo di Ruth Baer e Willem Kuyken.

Correzione : una versione precedente di questa storia affermava che gli utenti dello spazio di testa avevano bisogno di acquistare il pacchetto di depressione e altri pacchetti di meditazione dopo che si erano iscritti. Infatti, quel contenuto è disponibile al momento della sottoscrizione.

Correzione : una versione precedente di questa storia ha rilevato che Headspace è stato scaricato sei milioni di volte. Una società di comunicazioni chiamata Scott Ideas ha contattato Headspace per aggiornare tale cifra a 8,7 milioni.

* Correzione : una versione precedente di questo articolo menzionava che il Dr. David Cox lavorava ancora con Headspace come capo ufficiale medico.Una società di comunicazione chiamata Scott Ideas ha contattato Headspace per far sì che sappia che Cox ha lasciato l'azienda nella primavera del 2016. Dopo tre anni di impiego con Headspace, è partito per perseguire progetti personali.