Una risposta consapevole ai risultati elettorali

#WebTalk 1 L'era della grande menzogna - Mauro Scardovelli, Marco Guzzi, Paolo Maddalena (Luglio 2019).

Anonim
Gli insegnamenti e le pratiche di consapevolezza, consapevolezza, gentilezza e compassione sono fatti per tempi come questi.

Le elezioni presidenziali negli Stati Uniti vanno avanti per anni, e come mesi aumentano l'intensità aumenta. La tormenta delle parole e le idee e le posizioni polarizzanti diventano travolgenti. Le emozioni raggiungono il culmine della febbre, culminando in una notte e nel suo lungo periodo. Questa volta, questi due anni furono pieni di discorsi pieni di odio e di odio, e le polarità non furono mai più nette. Nelle prime ore di questa mattina, metà del paese ha trovato soddisfazione nei loro desideri e metà del paese è rimasta scioccata e disperata.

Alla fine, non costruiamo un mondo da soli. Lo facciamo insieme ad altri.

Quando una divisione è così netta, è un momento difficile per tutti. Per un po 'i vincitori potranno godere di un po' di entusiasmo, ma alla fine devono ancora fare un mondo insieme a quelli che hanno sconfitto. Per i sconfitti, è difficile sapere come persino muoversi quando ti svegli in un mondo in cui le tue speranze sono così del tutto tratteggiate. Può sembrare molto vuoto.

Cosa possiamo fare?

Gli insegnamenti e le pratiche di consapevolezza, consapevolezza, gentilezza e compassione non sono mai più utili e rilevanti che nei momenti di prova.

  • Tutti noi possiamo prendere alcuni momenti qua e là per lasciare che i nostri pensieri siano e per permettere loro di non essere così solidi, prestando attenzione al nostro respiro e al nostro corpo.
  • Possiamo prendere alcuni momenti per essere consapevoli delle nostre emozioni e di come si sentono effettivamente, e per cavalcarli e navigarli, meglio rispondere piuttosto che reagire e reagire eccessivamente.
  • Possiamo aprire i nostri cuori e le nostre menti agli altri - siano essi alleati o avversari - e ascoltare e cercare di capire le loro motivazioni, come vedono la vita e il loro futuro.

Alla fine, non costruiamo un mondo da soli. Lo facciamo insieme ad altri. L'astronave Terra non ha portelli di fuga. Vivere insieme in una comunità umana è molto, molto impegnativo. Attingere alla consapevolezza che tutti abbiamo dentro, che alla fine condividiamo tutti, può aiutarci a trovare la capacità di risposta per affrontare la sfida.

Quando siamo abbattuti, possiamo alzarci, fare una pausa e mettere un piede provvisoriamente di fronte all'altro. Non abbiamo altra scelta che vivere in questo momento, qualunque cosa porti. Prendiamoci un attimo per respirare, per guardare intorno al nostro mondo e ai nostri simili, e andare avanti.