Come praticare l'arte di essere presenti

Il grande ritorno del Rape&REVENGE [RE-UPLOAD] (Giugno 2019).

Anonim
La consapevolezza è a nostra disposizione in ogni momento, non solo in quelli speciali o preziosi. Dobbiamo solo sintonizzarci per tutto il giorno.

Ho spesso sperimentato modi per tessere la pratica della consapevolezza nella velocità e nella confusione della vita quotidiana. La premessa è semplice: la consapevolezza incontra il momento, il risultato è presente e non può essere negativo. Ha anche il vantaggio di minare quel pensiero ricorrente "non dovrei mettere da parte un po 'più di tempo per la mia pratica di mindfulness?"

Portare la consapevolezza alle attività che già scegliamo di includere nelle nostre vite è un ottimo modo per iniziare. Molte di queste attività - giardinaggio, corsa, ciclismo e nuoto vengono in mente anche se la lista è lunga - hanno già una sorta di tranquillità naturale per loro. Quindi non è un grande salto, e può essere un tempo ben speso in più di un modo.

Quando portiamo la consapevolezza nelle nostre abitudini quotidiane (piatti, bucato, cibo), quello che stiamo facendo è focalizzare un po 'di più ogni momento. Senza quell'attenzione, le cose che facciamo abitualmente in casa o in ufficio tendono a far parte del nostro "io che realizza", quella parte di noi che è orientata agli obiettivi e controlla costantemente una lista di cose da fare. È difficile essere consapevoli quando le attività sono solo parte di un piano più grande per fare le cose.

Ad esempio, quando lavare i piatti è solo una parte della "pulizia della cucina", rende più difficile stare con quello momento completamente. Tendiamo ad affrettarci a fare le cose per arrivare al prossimo compito. Ed è quando siamo in questa modalità "facendo" che possiamo facilmente iniziare a pedalare attraverso la lista delle cose da fare piuttosto che stare con quello che sta succedendo nel momento.

Mi piace particolarmente la pratica di portare la consapevolezza in una routine quotidiana quando quella routine include altre persone, come pranzare o tenere una riunione. Mi ricorda che non dobbiamo essere soli per portare la nostra consapevolezza in quello che stiamo facendo in questo momento.

Essere consapevoli non è semplicemente il risultato di fare una pratica regolare più "formale", un premio, per così dire, che otteniamo per essere doverosi. Non è un sottoprodotto di qualcosa che abbiamo fatto prima; è proprio quello che stiamo facendo ora.

Quando sono pronto per una sfida più grande, gioco con il portare la mia consapevolezza a quelle volte in cui mi sento innescato. Riconosco questi momenti in cui la mia reazione al grilletto porta uno stomaco ribollente e battito cardiaco accelerato, e la prossima cosa so che sono nel mezzo di un momento arrabbiato prima di sapere cosa mi ha colpito. Durante un periodo molto impegnativo della mia vita il grilletto era l'anello apparentemente innocuo del mio telefono, che ero sicuro che un'altra persona mi chiamasse per chiedere un'altra cosa di me.

Portare la pratica della consapevolezza nei momenti scatenanti del nostro ogni giorno la vita è come andare di mano in mano, per così dire; è una pratica molto energica. È anche utile ricordare che la pratica della consapevolezza non è sempre passiva o prevedibilmente serena. Non si tratta solo di felici o "momenti chiari", ma anche di quelli difficili. E al giorno d'oggi sembra che abbiamo una dieta piuttosto costante di momenti difficili, quindi è bello avere un piccolo aiuto con loro.

Un altro vantaggio principale dell '"arte di essere presente" è che mi ricorda che la consapevolezza è sia una pratica e un modo semplice di essere. Essere consapevoli non è semplicemente il risultato di fare una pratica regolare più "formale", un premio, per così dire, che otteniamo per essere doverosi. Non è un sottoprodotto di qualcosa che abbiamo fatto prima; è proprio quello che stiamo facendo ora.

Allo stesso tempo, chiaramente non si tratta di una forma di pratica rispetto all'altra, non di portare la consapevolezza nella nostra vita quotidiana piuttosto chemettere da parte il tempo di sedersi tranquillamente. Si tratta di come si può stimolare l'altro e su come i due lavorano insieme per creare una continuità di consapevolezza. E questo può davvero aiutare con quei tempi frenetici nella vita. Provalo e vedi di persona.

L'ARTE di essere presenti

Ci sono molti modi per portare consapevolezza nella tua vita quotidiana, anche quando non hai la possibilità di sederti in un posto tranquillo. La chiamiamo "ARTE" di essere presenti.

Attività. Porta la consapevolezza nelle attività che fai e ami, come il giardinaggio, la corsa, il ciclismo, il nuoto…

Routines. Scegli una delle tue attività quotidiane e attenta alla consapevolezza: piegare i vestiti, lavare i piatti, passare l'aspirapolvere, andare al lavoro, mangiare il pranzo.

Trigger. Abbiamo tutti cose che ci mettono in moto: e-mail snarky, colleghi fastidiosi, guidatori irragionevoli. Scegline uno e decidi di sostituire la tua reazione rabbiosa con il lampo di essere presente.