Abbracciare il cigolio di una situazione imbarazzante

Like Me - La "Box Challenge" di Luì dei "Me contro te" (Potrebbe 2019).

Anonim
Perché i momenti goffi ci fanno stringere i denti nella disperazione e come possiamo allenarci ad abbracciare il brontolio.

Perché facciamo un doppio-take quando ascoltiamo la nostra voce in una registrazione? È perché la nostra voce suona più bassa di noi mentre risuona attraverso il cranio. D'altro canto, lo spettatore sente una versione assoluta e quindi più alta della nostra voce. Ci sentiamo letteralmente diversi dagli altri rispetto a noi stessi.

In Cringeworthy: A Theory of Awkwardness,autore Melissa Dahl, co-fondatrice del sito di scienza sociale di NYMag.com Science of Us, esplora le origini del perché ci rabbrividisco e di come possiamo liberarci dall'ansia causata dall'imbarazzo.

In questo video per Bigthink, Dahl richiama un link alla ricerca degli anni '60 in cui le persone ricevevano scosse elettriche - lo studio ha concluso che i partecipanti preferivano sapere quando riceverebbero uno shock invece di non sapere.

Lo studio d'urto, l'esempio di registrazione - entrambi prendono una parte centrale della teoria della cringe di Dahl: in primo luogo, preferiamo la prevedibilità, e in secondo luogo, provoca grande disagio quando ci imbattiamo in Qualcosa di diverso da quello che pensiamo di essere.

Dahl definisce questo "divario inconciliabile" - un termine coniato dallo psicologo Philippe Rochat alla Emory University. Spiega:

"Ciò che ci fa rabbrividire è quando il" tu "che pensi di presentare al mondo si scontra con il" tu "che il mondo sta effettivamente vedendo, e questo ci mette a disagio perché ci piace pensare che noi

Dahl esplora tre modi per spostare la tua relazione al brindo:

1) trasformare feedback cringive in utili note di campo- volevi una promozione, ma le cose non andavano vai a modo tuo Hai insultato un amico ma non volevi. Potresti rispolverare questi incontri mentre l'altra persona ti fraintende totalmente, o potresti ricavare qualcosa dalla loro percezione di te (senza doverci completamente comprare). Dahl spiega: "Ho capito come affrontare questa emozione un po 'meglio è cominciare a pensarla come un'informazione utile come" forse questo è un modo per iniziare in punta di piedi verso il diventare questa persona che vedo me stesso, questa persona che vorrei essere. "

2) abbracciare momenti di rabbia- potresti incastrare il tuo peggior incubo sociale con umorismo? Dahl parla di Stefan Hofmann, un terapista di Boston che gestisce una clinica per l'ansia sociale in cui le persone con grave ansia passano attraverso esercizi progettati per metterli in alcune delle situazioni sociali più imbarazzanti (ad esempio, andare in una libreria e chiedere l'impiegato per i libri su peti). "Il punto è di metterli nei loro peggiori incubi sociali e poi farli uscire dall'altra parte e dire: 'Oh, sono sopravvissuto. La gente mi ha guardato in modo strano ma sono sopravvissuto ", dice Dahl. Questi momenti innescano la mente per la cosa reale e tutti i libri imbarazzanti che potresti aver bisogno di procurarti in futuro. A tal fine:

3) mettiti in situazioni imbarazzanti- Dahl partecipa a uno spettacolo comico globale chiamato Mortificato in cui le persone leggono le loro riviste adolescenti e condividono storie del loro passato. Dice che l'inaspettato risultato è che in realtà la fa sentire più legata ad altre persone:

Quando arrivi a una linea in cui leggi qualcosa che hai scritto come un vero dodicenne e fa ridere tutti, è davvero bello perché molte volte le persone ridono perché si riconoscono in te. E così se si riconoscono in te allora non sei solo - le tue cose imbarazzanti, non devono isolarti.

Dahl suggerisce che quando abbracciamo il brontolio, abbiamo una migliore possibilità di allentare la presa di emozioni scomode e difficili, che ci permettono di connetterci di più con gli altri e con noi stessi.

Video da Bigthink

Come (Mindly) avere una conversazione strana al lavoro

"Inside Out" Regista Pete Docter su L'importanza di uscire dal proprio capo