5 Modi per combattere le notizie false

Pancia Gonfia: 3 Rimedi Naturali per il Meteorismo [SPECIALE] (Potrebbe 2019).

Anonim
Esistono bolle di filtro e notizie false perché tutti noi tendiamo ad ignorare i fatti e ad attenerci alle nostre enclaves sociali online. Per guarire la divisione in America, dobbiamo risolvere uno dei nostri metodi più importanti di raccolta e condivisione delle informazioni: Internet.

Nell'ultimo anno, le notizie false virali e le bolle filtranti hanno devastato, precipitando eventi del mondo reale come, e.

Gli economisti con il World Economic Forum hanno messo in guardia su questa tendenza nel loro rapporto del 2013 sui rischi per l'economia globale. Le voci virali, hanno avvertito, potrebbero avere impatti devastanti mentre si diffondono sui social media.

Ora, l'America è così divisa che liberali e conservatori non saranno d'accordo sui fatti di base. Una delle uniche cose su cui concorderanno è quanto disprezzano l'ascolto del punto di vista dell'altro. Queste visioni polarizzate costringono gli utenti dei social media, sia liberali che conservatori, a contribuire a diffondere notizie false ignorando i fatti.

Per ricongiungere il paese, gli americani devono ristabilire una cultura dell'onestà. E in un mondo in cui metà degli americani riceve notizie dai social media, quella cultura inizierà online, un post e un commento alla volta.

La nostra responsabilità sociale sui social media

I social media possono essere uno dei più grandi strumenti della società, ma è anche una delle nostre grandi vulnerabilità. Dan Zigmond, sacerdote Zen e direttore di analytics per il news feed di Facebook, lo esprime così: "Abbattendo le barriere e rendendo più semplice la comunicazione, apriamo anche la possibilità di semplificare i problemi di comunicazione. Significa che è ancora più importante esercitare la consapevolezza nel modo in cui ci relazioniamo tra loro. "

Zigmond ha aiutato Facebook a sviluppare una suite di nuovi strumenti che consentono agli utenti di segnalare notizie false sulla piattaforma. L'iniziativa, lanciata nel 2016, significa che Facebook invia storie segnalate dagli utenti a siti Web di controllo fatti di terze parti come Snopes, ABC News e The Associated Press. Se tali organizzazioni identificano l'articolo come falso, verrà contrassegnato come "contestato" e sarà collegato a un articolo che spiega perché, secondo Facebook.

Indirizzamento di bufale e notizie false da Facebook su Vimeo.

Gli utenti di Facebook possono condividi ancora gli articoli contrassegnati come falsi - non c'è alcuna garanzia contro un altro Pizzagate , ma riceveranno una notifica prima di condividere l'articolo dicendo loro che "ispettori indipendenti hanno contestato la sua accuratezza."

In definitiva, quando si tratta dell'impatto delle notizie false e del tipo di contenuto che regna sui nostri feed social, siamo noi che abbiamo le mani sulla leva. I social media possono aiutare a diffondere la disinformazione - gli utenti possono scavare nei loro tacchi quando vengono sfidati su false affermazioni, ignorare i fatti e cercare di riaffermare le loro convinzioni - ma è anche facile usare i social media per combattere la disinformazione. Ecco cinque modi in cui puoi aumentare la consapevolezza della tua esperienza sui social media, sfruttare strumenti online per sconfiggere i troll mentre controlli le fonti e promuovere conversazioni e relazioni migliori online:

5 modi per combattere le notizie false

1) Trova i tuoi punti ciechi

È probabile che tu non sia sensibile alla disinformazione, il che rende la disinformazione del senso esiste perché coloro che credono non pensano che sia disinformazione. Prova alcune di queste attività per verificare i tuoi pregiudizi e i tuoi punti deboli.

  • Disaccordo con te stesso

Spesso ignoriamo le informazioni che ci rendono scomodi. Questo è chiamato "elusione delle informazioni". Come spiega lo scienziato di decisioni Russell Golman in un articolo, tendiamo a sottovalutare la validità delle informazioni in disaccordo con la nostra visione del mondo, mentre sopravvalutiamo le informazioni che affermano la nostra visione del mondo. Di conseguenza, quando i conservatori e i liberali ricevono lo stesso identico insieme di fatti oggettivi su una questione polarizzante (come i cambiamenti climatici), ciascuna parte può diventare più radicata nelle proprie convinzioni. Le persone intelligenti, creative e scientificamente istruite sono in realtà peggiori nell'accettare informazioni sfidanti perché sono più in grado di razionalizzare le credenze precedenti.

Siamo abbastanza bravi a ignorare, dimenticare o non apprendere mai informazioni scomode. È qui che arrivano le camere di eco dei media, la polarizzazione politica, la negazione della scienza e il pregiudizio mediatico.

Golman spiega che siamo abbastanza bravi a ignorare, dimenticare o non apprendere mai informazioni scomode. Da qui vengono le camere di eco dei media sociali, la polarizzazione politica, la negazione della scienza e i pregiudizi dei media. L'83% degli utenti di social media dice che quando vedono qualcosa su cui non sono d'accordo sui social media, lo ignorano. Il 39% degli utenti ha amici o messaggi bloccati o nascosti perché sono politici, mentre i liberali bloccano più spesso gli amici.

"Incoraggerei le persone a non scortare o smettere di frequentare le persone perché non sono d'accordo con loro" suggerisce Zigmond. "Tutti abbiamo credenze che si sentono parte della nostra identità. È confortante sentirsi dire che quelle credenze sono giuste, ed è sconfortante che queste convinzioni siano messe in discussione. È molto naturale Dobbiamo solo essere consapevoli di questo fenomeno ed essere consapevoli di come reagiamo. Vorrei incoraggiare le persone a cercare di rimanere in contatto e mantenere un dialogo in corso. Fai il prossimo passo e leggi e informati su cosa viene condiviso. "

  • Rivela la tua bolla

Se utilizzi Chrome, prova ad installare PolitEcho. Analizzerà il tuo feed di notizie per creare un grafico dei tuoi amici, organizzato per affiliazione politica e quanto spesso appaiono nel tuo feed di notizie. I risultati stanno facendo riflettere, rivelando spesso come un piccolo gruppo di conoscenti politicamente omogenei costituisce la maggior parte di ciò che vedi su Facebook.

Vivian Mo, che ha contribuito a sviluppare PolitEcho, osserva che: "Ironicamente, pensiamo a noi stessi come aperti mentalità e diversità, solo per scoprire che ci siamo circondati di persone che hanno le stesse inclinazioni politiche. "

Secondo i ricercatori di Facebook, la composizione della nostra rete di amici è il fattore più importante nel determinare ciò che vediamo nei nostri newsfeed. Circa il 20% degli amici dei liberali e dei conservatori sui social media sono dall'altra parte dello spettro politico, anche se i liberali tendono ad avere meno amici con punti di vista contrastanti rispetto ai conservatori. Nonostante il fatto che l'America abbia un Internet molto vario e aperto, scegliamo di non esporci a punti di vista inquietanti.

Che effetto ha questo? Dai un'occhiata al progetto Washington Post , Blue Feed Red Feed, che mostra simulazioni di notizie repubblicane e democratiche una accanto all'altra. I due newsfeed sono come realtà diverse.

Negli ultimi mesi, i commentatori hanno sostenuto che i giornalisti sono stati disconnessi dall'America conservatrice, motivo per cui i giornali non sono riusciti a prevedere le elezioni del 2016. Gli analisti del MIT hanno confermato che i giornalisti e gli elettori repubblicani sono quasi completamente segregati su Twitter, il che probabilmente contribuisce alla mancanza di comprensione reciproca.

Il modo più semplice per verificare la tua inclinazione è di notare quali articoli ignori e quali amici scegli di bloccare,e in effetti leggi alcuni degli articoli frustranti nel tuo newsfeed con una mente aperta.

  • Crea una bolla

Una "bolla di filtro" è una sorta di camera di eco online, dove, grazie alla tua scelta di amici, informazioni fonti e preferenze politiche: vedi solo informazioni che affermano la tua visione del mondo. Esistono molti ottimi strumenti che ti aiutano ad uscire dalla bolla del filtro.

Strumenti per far comparire la bolla del filtro:

-Hi Dall'altra parte ti presenterà qualcuno che ha votato per il candidato che hai votato contro elezioni federali. Basta compilare un questionario e l'organizzazione ti abbinerà a qualcuno con cui puoi "impegnarsi in una conversazione civile". L'obiettivo, dice il sito web, è "non convincere, ma capire".

-Escape Your Bubble will anche aiutare a capire l'altro lato. È un plug-in di Chrome che inietta articoli informativi nel tuo feed di Facebook, inteso a evidenziare problemi a cui potresti non pensare.

-L'Echo Chamber Club raccoglie articoli per sfidare i punti di vista liberali e li invia in una newsletter.

-Allsides è un'organizzazione di notizie che vede tutti i giornalisti come intrinsecamente prevenuti. "Nella scuola di giornalismo, ti insegnano come riportare in modo imparziale, e alcuni giornalisti fanno un ottimo lavoro", ha dichiarato a breve l'amministratore delegato John Gable a Forbes, dopo il lancio del sito web nel 2012. "Ma francamente, pensiamo che sia una cazzata. Non pensiamo che sia possibile essere imparziali. "Allsides raccoglie punti di vista contrastanti sulle notizie del giorno, che abbracciano lo spettro politico.

2) Flag Fake News

Hai l'impressione che il primo ministro britannico David Cameron una volta ha fatto qualcosa di veramente schifoso con un maiale? Pensi che la polizia abbia usato Facebook per colpire i manifestanti di Standing Rock? Ti ricordi quando il Papa ha appoggiato Donald Trump? Hai sentito come il proprietario di Corona ha lasciato milioni di dollari ai residenti della città in cui è cresciuto, nel suo testamento? Nessuna di queste cose è accaduta, anche se tutte sono state ampiamente riportate sui social media.

Durante le elezioni, le 20 migliori notizie false erano più popolari delle 20 principali notizie reali dei principali outlet.

Attivisti, organizzazioni, e i governi creano false notizie virali per fare soldi e influenzare l'opinione pubblica. E poiché metà delle storie condivise su Facebook non vengono nemmeno lette prima di essere pubblicate, le voci e le bugie possono diffondersi a macchia d'olio. Tutto ciò che serve è una foto accattivante e titolo.

Durante le elezioni, le 20 migliori notizie false erano più popolari delle 20 migliori notizie reali dei principali outlet.

I redattori di quel rapporto del World Economic Forum del 2013 sul i rischi di false voci virali richiedevano una maggiore alfabetizzazione mediatica e nuove tecnologie per combattere le notizie false. Quattro anni dopo, stiamo finalmente iniziando a rispondere.

  • Il gioco di controllo dei fatti

Google e Facebook hanno aggiunto nuove funzionalità: Google ha iniziato a incorporare un tag fact-check in alcune delle sue pagine di notizie e dopo ripetutamente promuovendo notizie false alla sua barra laterale "Tendenza", Facebook ha annunciato che la barra laterale non sarà più personalizzata. Al contrario, mostrerà le stesse storie a tutti, basandosi principalmente su ciò che i notiziari riportano, piuttosto che su ciò che gli utenti pubblicano, che sperano renderanno più resistente le notizie false.

Mentre i nuovi strumenti di Facebook da segnalare le notizie false stanno iniziando a mostrare risultati, e Zigmond spera che questi strumenti rendano più facile per le persone essere consapevoli e informate, non garantiscono che le storie false non circolino. Ecco tre rapidi modi per individuare un falso articolo da factcheck.org:

-Controlla l'autore : la storia del papa che sostiene Donald Trump? Nessun sottotitolo. Cercare l'autore di una storia può essere il primo tassello del puzzle: qual è la loro qualifica? Hanno vinto qualche premio per il loro lavoro giornalistico? Puoi fare clic sulla loro biografia e su qualsiasi altro pezzo che hanno scritto? Potrebbe girare pezzi su altri siti fasulli.

-Controlla la data : A volte le notizie false non sono in realtà false, le persone le hanno appena condivise anni dopo, sostenendo che sono correlate agli eventi correnti. "La peggiore tempesta di neve di oggi" potrebbe risalire al decennio precedente.

-Quale è il supporto?Gli articoli falsi possono citare fonti ufficiali o "dal suono ufficiale", ma una volta che hai indagato sulla fonte, puoi trovare in realtà non eseguire il backup del reclamo. È sempre una buona idea controllare i collegamenti negli articoli per vedere se le fonti utilizzate come prove di supporto supportano effettivamente l'argomento.

  • Upload di strumenti che trovano notizie false

Tutti abbiamo visto amici e familiari postare storie discutibili. Ci sono molti strumenti che possono aiutarti a ridimensionarli quando li vedi.

Il plug-in di Chrome di Slate, This Is Fake, etichetterà le notizie false sul tuo feed di Facebook e suggerirà un articolo per ridimensionarlo, in modo che tu possa aggiungere un commento chiarificatore al post fuorviante con un link alla storia vera. Fake News Alert, un altro plug-in, ti avviserà quando arriverà su un sito web che è noto per pubblicare storie false o sensazionali. Il Washington Postha creato un plug-in che controlla i tweet del presidente Trump come appaiono nella timeline di Twitter, fornendo chiarimenti e il contesto necessario.

Se non sei sicuro di una storia, ci sono molti siti che ti aiuteranno a valutare la sua verità. Controlla la storia su siti affidabili di controllo dei fatti come PolitiFact, Factcheck.org o Snopes.

  • Affina il tuo misuratore di "verità"

La scrittrice scientifica Emily Willingham ha creato una metodologia per analizzare la veridicità delle notizie. Spiega come esaminare ogni articolo controllando l'URL: ABCnews.com o ABCnews.com.co? Il secondo URL ti porta in un sito web di notizie false di ispirazione ufficiale, sperando chiaramente di catturare gli utenti alla sprovvista. Willingham dice che è anche importante considerare il pregiudizio che si porta a un articolo, così come il pregiudizio del sito web. Anche storie su siti importanti come il New York Timespossono puntare a conclusioni imprecise dovute a pregiudizi dell'autore, titoli sensazionali o fonti discutibili.

Trovare la verità in un paesaggio mediatico post-verità, dove ogni fonte può essere prevenuto e fuorviante, richiede abilità e scetticismo. NPR ha creato una "Finder's Guide to Facts" di 14 punti che offre alcuni semplici modi per giudicare il valore di una notizia. Si conclude con un potente promemoria: "Imparare la verità non è un obiettivo, ma un processo".

3) Integra piuttosto che Polarize

Come spiega il giornalista Andres Miguel Rondon, sulla base della sua esperienza di attivista anti-populista in Venezuela, "il populismo può sopravvivere solo in mezzo alla polarizzazione. Funziona attraverso la caricatura, attraverso la denigrazione senza fine di un nemico da cartone animato. Suggerimento: sei il nemico… Il tuo principio organizzativo è semplice: non alimentare la polarizzazione, disarmalo. "Ecco come metterlo in pratica:

  • Esplorare le credenze invece dei fatti

Le prove e i dati sono estremamente importanti,ma non sono molto efficaci nel cambiare la mente. Per farlo, devi affrontare le convinzioni e le motivazioni di una persona. I liberali e i conservatori tendono ad avere differenti basi morali. I liberali tendono a mettere più peso sui valori di equità e cura, mentre i conservatori pongono più lealtà, gruppi e purezza. Nei dibattiti, spesso assumiamo che le nostre basi morali siano universali e identifichiamo coloro che non sono d'accordo come immorali. In combinazione con la nostra tendenza ad evitare informazioni che ci fanno sentire a disagio, le diverse strutture morali possono trasformarsi in una narrazione polarizzata di noi-contro-loro.

Quindi, invece di cercare di vincere una discussione, prova a ricalibrare i tuoi punti per allinearli al tuo quadro dell'avversario. Ad esempio:

- Se ritieni che l'assistenza sanitaria debba essere più ampiamente disponibile,mentre qualcuno con cui parli vuole abolire Obamacare, prova a parlare della necessità di sradicare le malattie infettive, che potrebbero allinearsi con il loro valore morale di purezza.

- Se credi che la spesa militare sia essenziale per un paese forte,ma stai parlando con qualcuno che vuole tagliare le spese militari, prova a sottolineare come la spesa militare aiuti economicamente svantaggiati trovano impiego, che potrebbe allinearsi con il loro valore morale di equità.

Come Whitney Phillips, che ha scritto un libro sui troll online, spiega, invece di affermare che ciò che qualcuno crede sia sbagliato, è utile chiedere, "in che cosa questo è vero per te? "Per avere una conversazione costruttiva, può essere importante capire, e talvolta sfidare, le credenze culturali.

L'Atlanticoha una guida su come usare le strutture morali per avere più dibattiti costruttivi.

  • Discrete il disco reditors

Anche quando aiutiamo qualcuno a espandere il proprio punto di vista su qualcosa, il nostro lavoro può essere rapidamente annullato quando le loro credenze originali sono rinforzate da nuove prove. In uno studio, i ricercatori hanno mostrato ai partecipanti le prove dei cambiamenti climatici e hanno visto un netto aumento dell'accettazione dei cambiamenti climatici. Quando i ricercatori hanno mostrato ai partecipanti false informazioni che hanno screditato la scienza del clima, l'accettazione dei partecipanti è scesa fino al punto di partenza.

Ma i ricercatori hanno imparato che potevano anche "inoculare" i partecipanti alla disinformazione. I ricercatori hanno mostrato agli altri partecipanti prove a sostegno dei cambiamenti climatici e hanno anche dato loro una dichiarazione di non responsabilità secondo cui i gruppi motivati ​​politicamente cercano di convincere il pubblico che vi è disaccordo tra gli scienziati sui cambiamenti climatici e disinformazione. Poi i ricercatori hanno dato ai partecipanti la disinformazione - ma, questa volta, è stato molto meno efficace a screditare la vera scienza.

4) Sconfiggi i troll

Nel 2015, l'ex CEO di Twitter, Dick Costelo, ha dichiarato: "Facciamo schifo contro gli abusi e i troll sulla piattaforma e ne abbiamo risucchiato per anni."

I troll sono utenti di Internet che deliberatamente provocare altri con post e commenti offensivi. L'estate scorsa, coorti di troll hanno allontanato Twitter l'attore nero Leslie Jones con una raffica di incitamento all'odio. I troll possono essere individui, programmi per computer o gruppi organizzati con un ordine del giorno. Sono estremamente efficaci a chiudere il discorso pubblico e diffondere disinformazione. Ecco come li chiudiamo:

  • Sostieni le vittime

Puoi sostenere le vittime della pesca alla traina tramite Heartmob, un sito Web che supporta la libertà di parola combattendo abusi e molestie. Iscrivendoti, ti rendi disponibile per aiutare le vittime di molestie inviando messaggi di supporto e segnalando abusi. Se vieni molestato, Heartmob può aiutarti a sviluppare un piano di sicurezza e ottenere supporto dai suoi membri.

  • Feed the troll

Una nuova ricerca suggerisce anche che il popolare adagio internet "non dare da mangiare ai troll" non è t completamente vero. In alcune situazioni puoi tranquillizzare i troll impegnandoti con loro. Kevin Munger, un ricercatore della NYU, ha programmato i robot di Twitter per rispondere agli utenti bianchi che hanno pubblicato insulti razzisti con un messaggio pre-programmato, "Ehi amico, ricorda che ci sono persone vere che si fanno male quando li molestano con quel tipo di linguaggio."

Purtroppo, Munger ha scoperto che quando i robot che apparivano come uomini di colore sfidavano i tweet dei razzisti, gli insulti razziali da parte dell'utente offensivo successivamente aumentavano. Tuttavia, ha anche scoperto che quando i robot che condividevano una razza simile all'identità sociale - con il razzista li sfidava, il loro uso di insulti razziali diminuiva.

"Nel complesso, ho scoperto che è possibile indurre le persone a usare un linguaggio meno molesto ", Ha scritto Munger. "Se ricordiamo che dietro ogni incontro online c'è una persona reale e sottolineo ciò che abbiamo in comune piuttosto che ciò che ci divide, potremmo essere in grado di rendere Internet un posto migliore."

La ricerca di Munger contribuisce a una prospettiva digitale a lungo -discutere discussioni sull'alleato- come le persone di privilegio possono usare il loro privilegio per combattere i pregiudizi in solidarietà con i membri delle comunità emarginate.

5) Connettersi consapevolmente sui social media

La pratica di mindfulness dei media sociali è uno strumento per creare connessione umana, secondo Zigmond. "Quando le persone si sentono in contatto con gli altri, questo fa emergere il loro io migliore", dice. "Quando le persone si sentono disconnesse, escono i loro peggiori impulsi."

Ad esempio, Zigmond consiglia di porsi tre domande secolari per determinare se vale la pena di dire o condividere qualcosa:

-È vero?

- È necessario?

-È così gentile?

Internet può aiutare a far emergere i nostri migliori sé, ma solo se lo usiamo come forum per una comunicazione autentica. Facebook e Google possono introdurre nuovi strumenti per incoraggiare tale comunicazione, ma fondamentalmente, come dice Zigmond, "Dipende da te ciò che vuoi vedere. Questo è accompagnato da responsabilità. "

È utile portare consapevolezza ai social media nello stesso modo in cui verremmo alla conversazione nel mondo reale. Presta attenzione ai tuoi pensieri e alle tue convinzioni e cerca di essere costruttivo quando li discuti con gli altri.

Correzione : una versione precedente di questa storia affermava che Dan Zigmond era a capo della scienza dei dati su Facebook. Infatti, è direttore delle analisi per il feed di notizie di Facebook.

Prima di scorrere, prova questa pratica di social media consapevole

La viscosità della disinformazione